Orrore in casa, padre uccide i figli di 12 anni e si suicida: la scoperta choc della mamma


Tragedia a Margno, nelle Lecchese. Duplice omicidio avvenuto nel condominio prossimo alla funivia. Un bambino di 12 anni e la sorellina di 6 sono stati trovati privo di vita. Secondo le prime informazioni riferite dall’ agenzia Ansa a causare la tragedia sarebbe stata la difficile separazione tra il padre e la madre. I corpi dei due bambini sarebbero stati trovati dalla madre.

Non solo i bambini a perdere la vita, ma anche il padre. La donna oltre a essere stata la prima persona a trovare i figli privi di vita, sarebbe stata avvertita dell’omicidio dal marito con una email. Secondo una prima ricostruzione della dinamica dei fatti, i due bambini sarebbero stati strangolati dal padre. L’uomo, poco dopo, si sarebbe suicidato. (Continua a leggere dopo la foto).






Morti per strangolamento o per colpi di arma da fuoco, le fonti informative si dividono e le indagini sono ancora aperte. La famiglia viveva in un condominio vicino alla funivia montana, a Margno, procedendo verso Pian delle Betulle. Su posto sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale di Lecco e della stazione territoriale. (Continua a leggere dopo la foto).






La famiglia sarebbe originaria del Milanese e a Margno si fa riferimento come casa di villeggiatura a Margno. Al momento le cause della tragedia sembrano ricondursi alla difficile separazione tra il padre e la madre dei due bambini trovati privi di vita, ma la pista d’indagine e i successivi accertamenti tenderanno a fornire maggiori dettagli. (Continua a leggere dopo la foto).



Nel messaggio ritrovato dalla donna era stato specificato dal marito che non avrebbe mai più rivisto i due figli. La donna, allarmata, ha subito chiamato le forze dell’ordine. Una volta raggiunta l’abitazione, la scoperta. I piccoli corpi senza vita dei due gemelli giacevano a terra e poco distante dall’abitazione, anche il corpo dell’uomo ,di cui inizialmente si erano perse le tracce.

Scomparsa Maddie McCann, la confessione choc della procura tedesca su Christian Brueckner

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it