Lite choc tra fidanzati, lei lo spinge nel Tevere. Inghiottito dalle acque, poi l’arrivo dei sommozzatori. Cosa è successo


Tragedia sfiorata a Roma. Ieri sera, intorno alle 23, una lite tra due fidanzati stava per costare la vita a un ragazzo. A quanto si apprende è successo nei pressi di Ponte Garibaldi, quasi di fronte all’Isola Tiberina, lei reagisce di getto alle urla del fidanzato e lo spinge con violenza facendolo precipitare nel Tevere.

Le ricerche del giovane, in un primo momento risultato disperso sono state condotte dalla polizia e dai sommozzatori dei vigili del fuoco che lo hanno recuperato prima che venisse inghiottito dalle rapide d’acqua e trascinato velocemente verso la foce. Per fortuna i soccorritori sono riusciti a trovare e portare in salvo il giovane prima che giungesse alla foce del fiume e la corrente lo portasse troppo lontano per essere salvato. Il ragazzo è stato portato sulla terra ferma, riscaldato con una coperta e portato in ospedale per un accertamento. Continua dopo la foto








La fidanzata che lo ha spinto nel fiume, rischiando di ucciderlo, è stata portata in commissariato per un interrogatorio. Al momento non è chiaro se sarà istruita un’indagine sul caso e la ragazza sarà accusata di qualcosa. Solo qualche giorno fa Roma e il Tevere erano stati protagonisti di una tragedia. Lo scorso 25 maggio un aereo biposto ultraleggero decollato intorno alle ore 15.00 dall’aeroporto dell’Urbe di via Salaria è precipitato alle 15.08 circa nel fiume Tevere. A lanciare l’allarme era stato l’ENAV, che ha segnalato la scomparsa dai radar del velivolo della scuola di volo Urbe Aero. Continua dopo la foto






L’aereo Diamond DA 20 era stato individuato sul fondale del fiume 12 ore dopo essere scomparso grazie agli ecoscandagli, uno strumento ultracustico che trasmette impulsi sonori. L’istruttore della scuola di volo, Giannandrea Cito, è stato rinvenuto ferito sulle sponde del fiume Tevere in zona Due Ponti. Continua dopo la foto



 


L’istruttore di volo, primo ufficiale RyanAir da due anni e istruttore qualificato della scuola di volo Urbe Aero, ieri è riuscito a fornire informazioni sulla dinamica dell’incidente. Da quanto raccontato, in seguito al decollo, l’aereo ha segnalato un’avaria al motore che ha quindi perso potenza ed ha costretto il pilota ad un tentativo disperato di ammaraggio sul Tevere

Ti potrebbe interessare: “Che ne dite, come sto?”. Pancione in bella mostra, l’attrice è incinta al settimo mese. Secondo figlio: lo aveva tenuto nascosto fino a ora

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it