Incidente aereo, a soli 22 anni muore la giovane promessa del nuoto azzurro:


Domenica 31 maggio un ultraleggero è caduto vicino alla scuola di volo Crazy Flay di Nettuno. Il velivolo si è schiantato nei pressi di via Avezzano, per poi incendiarsi.
Morti due giovani campioni del nuoto italiano, Fabio Lombini e Gioele Rossetti: il primo, atleta delle Fiamme Rosse, secondo classificato ai campionati italiani di categoria 400 stile libero, si stava allenando nel centro federale di Ostia, l’altro faceva invece parte della squadra dell’Aurelia Nuoto.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri di Anzio e Nettuno. “Scoprire che nell’incidente di Nettuno sono morti i giovani nuotatori Fabio Lombini e Gioele Rossetti ci ha sconvolto. Fabio, 22 anni, era un atleta delle Fiamme Rosse. (Continua a leggere dopo la foto)









Il Capo Dipartimento Mulas, il Capo del Corpo Dattilo e i vigili del fuoco si stringono al dolore delle famiglie” il cordoglio dei vigili del fuoco su Twitter. L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv), ha aperto un’inchiesta di sicurezza di competenza sull’incidente. L’Ansv ha disposto contestualmente l’invio di un proprio investigatore sul luogo dell’incidente. (Continua a leggere dopo la foto)






Una tragedia terribile per due grandissimi amanti dello sport e soprattutto del nuoto, che praticavano a livello agonistico. Fabio Lombini, nuotatore delle Fiamme Rosse, è stato medaglia d’argento ai campionati assoluti invernali del 2017 nei 200 stile libero alle spalle di Filippo Megli e davanti a Filippo Magnini ed è stato nazionale alle Universiadi di Taipei e ai campionati europei in vasca corta di Copenhagen nel 2017. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Fabio si stava allenando a Ostia con il responsabile tecnico Stefano Morini e il suo allenatore Alessandro Resch. “Fabio era arrivato a Ostia per allenarsi da tre giorni e aveva una giornata libera. Il suo sogno era la convocazione per i prossimi Giochi olimpici”, ha raccontato all’Ansa il presidente Fin, Paolo Barelli.
 

Zangrillo: “Il coronavirus non esiste più, qualcuno terrorizza il paese”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it