Attenti alla ‘tassa sanificazione auto’. Non esiste, ma ecco quanto la fanno pagare


Tassa coronavirus per sanificare l’auto, è quel che propongono molte officine auto in Italia. A denunciare la faccenda è il Codacons. E così, dopo la “tassa Covid” applicata da molti saloni di parrucchieri e centri estetici italiani, ecco anche questa nuova trovata: la “tassa di sanificazione auto” imposta da molte officine di auto. L’associazione dei consumatori fa sapere: “Arrivano denunce da parte di cittadini di tutta Italia che hanno portato la propria vettura presso un’officina per il tagliando periodico o per riparazioni o manutenzione e si sono visti imporre costi di sanificazione obbligatoria sulle auto, mediamente da 20 a 40 euro, totalmente ingiustificati e illegittimi”.

Secondo l’associazione si tratta dunque di una pratica illegale contro la quale sarà presentato un esposto: “Denunceremo tutto ad Antitrust e Guardia di Finanza” ha spiegato il presidente Carlo Rienzi. Gli italiani sono dunque “attaccati” su tutti i fronti. Continua a leggere dopo la foto









Prosegue Rienzi: “Non esiste alcuna norma che obbliga i consumatori a sanificare la propria autovettura presso le officine, né che vincoli i tagliandi o le riparazioni al pagamento di ‘tasse’ legate al Covid”. Confartigianato Autoriparazione, categoria di rappresentanza delle Autofficine raccoglie la denuncia del Codacons: “Non vogliamo passare per quelli che se ne approfittano”, sono queste le parole di Alessandro Angelone, il presidente dell’associazione. Continua a leggere dopo la foto






“La nostra linea è di non applicare costi aggiuntivi ai clienti e di assicurare gratuitamente l’igienizzazione della vettura attraverso uno spray sulle zone di contatto come sedili, volante, pomelli e freno a mano” ha aggiunto ancora il presidente di Confartigianato Autoriparazione. Ma sono tante le officine che fanno passare la sanificazione con l’ozono come obbligatoria. Ma non è così, si tratta di un trattamento che il cliente può scegliere di non fare. Continua a leggere dopo la foto



 

“Ogni impresa fa come ritiene più opportuno – ha precisato Angelone – ma non possiamo che censurare l’obbligatorietà di un trattamento di sanificazione che dovrebbe essere solo a discrezione del cliente”. Insomma, se la vostra auto in questo periodo ha bisogno di sanificazione, fate attenzione al conto che vi viene dato alla fine. Anzi, chiedete in anticipo la politica dell’officina circa il trattamento di sanificazione. Per non avere brutte sorprese.

Anziana muore in ospedale: si scopre che era coronavirus. Struttura chiusa subito

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it