Anziana muore in ospedale: si scopre che era coronavirus. Struttura chiusa subito


Ospedale chiuso a Latina. Una donna di 94 anni, ricoverata all’ospedale di Cori, in provincia di Latina, a causa di un’insufficienza cardiorespiratoria. Alla donna è stato fatto il tampone del Covid-19 ed è risultata positiva. Così l’ospedale di Cori è statp chiuso e saranno effettuali i tamponi a tutti i pazienti ricoverati, ai medici e agli infermieri. A dare la notizia della chiusura dell’ospedale di Cori è stato il sindaco del paese, Mauro De Lillis che ha voluto informare tutti della situazione:

“Cari concittadini, è doveroso da parte mia informarvi riguardo una situazione delicata che si è verificata nella giornata odierna. Una signora di 94 anni di Cisterna di Latina ricoverata presso l’Ospedale di Comunità di Cori è deceduta per insufficienze cardiorespiratorie. Le è stato fatto il tampone ed è risultata positiva. L’Asl di Latina ha attivato le procedure di controllo e prevenzione su tutto l’Ospedale di Comunità di Cori. È vietato l’accesso a tutti”. Continua a leggere dopo la foto








E ancora: “Domani saranno effettuati i tamponi ai pazienti presenti, agli infermieri e ai medici”. Il sindaco ha fatto sapere che seguirà “con attenzione tutti i provvedimenti necessari che la Asl intenderà adottare. La Comunità è chiamata a dare una risposta collettiva per superare anche questa situazione. Vi terrò aggiornati su tutto”. Il sindaco ha inoltre aggiunto: “Affronteremo anche questa situazione con la stessa determinazione di questi mesi”. Continua a leggere dopo la foto






Ovviamente si spera che la situazione non sia drammatica e non degeneri in un nuovo focolaio. In queste ultime ore la situazione in Italia, dopo giorni di trend negativi, non è migliorata. Nelle ultime 24 ore – dati aggiornai a mercoledì 27 maggio – solo in Lombardia sono stati registrati 58 mentre il giorno precedente erano stati 22. I nuovi positivi sono 384, mentre il giorno precedente erano stati 159. Continua a leggere dopo la foto




 


Si tratta del 65% dei nuovi contagi a livello nazionale. Nelle ultime 24 ore – il dato si riferisce sempre al giorno precedente – sono leggermente calati i pazienti nelle terapie intensive. Ma la situazione non è ancora sotto controllo e bisogna prestare molta attenzione onde evitare di ricadere nel dramma con tutte le scarpe. Tutto dipende dal buon senso degli italiani.

Coronavirus, le autopsie (che in Ministero sconsigliava) rivelano causa della morte

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it