Tragedia in ospedale: Jacopo muore improvvisamente a 4 anni


Si chiamava Jacopo Villa e aveva lo sguardo dolce. E un sorrisetto quasi beffardo nell’ultima foto che mamma Simona gli ha scattato e conserva come un dono prezioso. Se ne è andato a 4 anni, Jacopo, dopo aver passato una ventina di giorni con una tosse. Dramma all’ospedale Maggiore di Parma dove nel tardo pomeriggio di oggi, martedì 26 maggio, è morto improvvisamente un bambino di 4 anni poco dopo il ricovero. Al momento è ancora giallo sulle cause del decesso e sulla dinamica esatta dell’episodio.

Tuttavia, secondo le prime informazioni disponibili, la Procura della Repubblica di Parma avrebbe aperto un’inchiesta ma senza ipotesi di reato. Il bambino sarebbe stato trasportato in ospedale in ambulanza. Poi le sue condizioni sarebbero precipitate repentinamente fino al decesso avvenuto poche ore più tardi nel reparto di terapia intensiva. (Continua a leggere dopo la foto)









A nulla sono serviti i tentativi di rianimarlo. Sono in corso approfondimenti per ricostruire tutte le fasi del terribile episodio. Nel frattempo si fa chiarezza sulla morte di Karim Bamba, il bimbo di 10 anni che martedì scorso era rimasto incastrato in un furgone della Caritas a Boltiere. È deceduto per soffocamento: questo l’esito dell’esame autoptico svolto lunedì mattina dal medico legale Matteo Marchesi. (Continua a leggere dopo la foto)






L’esame, disposto dal magistrato Emanuele Marchisio che sta seguendo il caso, ha avuto luogo nella camera mortuaria dell’ospedale Papa Giovanni, dove la salma era custodita dalla sera della tragedia. Karim, mamma italiana e papà della Costa d’Avorio, nel tardo pomeriggio di martedì 19 maggio era uscito dall’appartamento del Comune in cui viveva con i genitori e quattro fratelli. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Con indosso un paio di ciabatte aveva raggiunto un vecchio cortile in disuso in viale Monte Grappa, dove era stato posizionato un cassonetto giallo per la raccolta di abiti usati. Si era arrampicato, forse per raccogliere qualche vestito, e il portellone si era abbassato all’altezza del suo stomaco.

Ti potrebbe anche interessare: Cuginetti falciati e investiti dal suv. Genitori furiosi per la condanna all’uomo che si trovava alla guida

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it