Cuginetti falciati e investiti dal suv. Genitori furiosi per la condanna all’uomo che si trovava alla guida


È arrivata la condanna per Rosario Greco, accusato di aver travolto e ucciso con un suv i due cuginetti Simone e Alessio D’Antonio l’11 luglio del 2019 a Vittoria.

La decisione è arrivata dopo tre ore di camera di consiglio al tribunale di Ragusa ed è stata letta alle 12.20. Il giudice per l’udienza preliminare Ivano Infarinato era uscito dall’aula alle 9.26 per ritirarsi in camera di consiglio dopo una brevissima udienza, nel corso della quale il pm Fabio d’Anna ha rinunciato alle repliche. Il Comune di Vittoria ha chiesto un risarcimento danni da un milione di euro. (Continua a leggere dopo la foto)






“No comment – sono state le parole della difesa di Greco rappresentate dagli avvocati Salvatore Citrella e Nunzio Citrella dopo la pronuncia della sentenza -. Attendiamo di leggere le motivazioni”. Greco al momento della sentenza non era in aula: erano invece presenti i genitori dei due bambini e anche gli zii. (Continua a leggere dopo la foto)






“Il giudice non ha fatto il proprio lavoro”, hanno detto Alessandro e Lucia, genitori di Alessio, che accolgono la sentenza con “troppa delusione”.  “I ministri si sveglino, gli italiani si sveglino, non si può fare una legge così. Il 29 mio figlio avrebbe fatto 12 anni. Non si può accettare il rito abbreviato, ieri ci lamentavamo del pm ma è stato il giudice a non fare il proprio lavoro. Così non gli ha dato la pena per quel che ha fatto, da 18 è stata abbassata a 9 anni”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

L’uomo , condannato a nove anni di carcere, era alla guida di quel suv quando ha investito i due bambini che si trovavano fuori casa, seduti su un gradino mentre giocavano con il cellulare. Uno dei due bambini è morto sul colpo, mantre Simone è morto durante il funerale di Alessio. Nell’auto c’erano altre due persone che si erano presentate spontaneamente nella caserma dei carabinieri di Vittoria dichiarando che alla guida c’era un terzo uomo.

“Volevo farlo…”. Emma Marrone da ’brividi’: lacrime a fiume nella diretta social

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it