Lite tra studenti finisce a coltellate: morto un 16enne, grave l’amico di 17 anni


Tragedia a Gragnano. Un ragazzo di 16 anni ha perso la vita a seguito di una rissa, avvenuta durante la notte. Sul caso stanno indagando i poliziotti del commissariato di Castellammare di Stabia.

Ancora una vittima, ancora un accoltellamento che si aggiunge ai due che si sono consumati nella stessa giornata, uno ai danni di un extracomunitario, l’altro che ha causato la morte di un 37enne. Stavolta si tratta di un minore, accoltellato a Gragnano dai suoi coetanei. In gravi condizioni anche un amico della vittima, un 17enne, coinvolto nella rissa. Il 16enne morto, stando a quanto riportato da IlMattino, è nipote del boss ergastolano Nicola Carfora detto ‘o fuoco. Sul caso, oltre alla Procura per i Minori di Napoli, è stata informata anche la Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. Continua dopo la foto








Il ragazzo è morto all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, dove è stato accompagnato e ricoverato dopo l’aggressione. La lite, in cui è stato accoltellato N. M., sarebbe avvenuta a Gragnano, in Via Vittorio Veneto. Proprio lì sono in corso i rilievi del caso. Una vera e propria tragedia che ha sconvolto l’intero paese di Gragnano su cui bisogna fare ulteriore chiarezza. Continua dopo la foto






A quanto si apprende a portare il ragazzo in ospedale è stato Carlo Langelotti, 30 anni, a bordo di una Audi Q3.Anche il 30enne è ferito in maniera seria ed è in sala operatoria ma non è in pericolo di vita. Entrambi sono di Pimonte e sono stati accoltellati. Continua dopo la foto



 


Secondo una ricostruzione non confermata, ci sarebbe stata una lite in via Vittorio Veneto a Gragnano (Napoli). Sul posto la polizia. Sul caso indaga la Procura per i minori, informata anche la Direzione distrettuale antimafia.

Ti potrebbe interessare: Tutta plastica e botox, il volto della tv pubblica questa foto e tutti saltano dalla sedia: la trasformazione è ‘choc’

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it