“Siamo rimasti colpiti”. Omicidio Luca Sacchi, si torna a parlare di Anastasiya. È successo in tribunale, davanti a tutti


Siamo alla seconda udienza del processo per l’omicidio di Luca Sacchi. Il colpo di scena che in tanti si aspettavano è arrivato: nuove prove ed elementi schiaccianti, raccolti dai carabinieri del reparto investigativo di via InSelci complicano ulteriormente la posizione dei due killer e degli altri imputati. Le indagini coordinate dal sostituto procuratore Nadia Plastina, hanno prodotto una perizia balistica, nuovi messaggi telefonici tra gli imputati ed accertamenti bancari. Nell’aula della corte d’Assise a palazzo di Giustizia di piazzale Clodio, dopo il lockdown per l’emergenza Covid-19 è ripartito dibattimento anche con la presenza inattesa di Anastasiya Kylemnyk fidanzata di Luca, imputata e parte civile nel procedimento penale.

“Amo’, novità? Amò, attieniti ai piani”. E’ quanto scriveva il 18 ottobre scorso Luca Sacchi alla fidanzata in un messaggio citato da una informativa dei carabinieri e depositata dalla Procura nell’ambito del processo per l’omicidio del giovane ucciso nella notte tra il 23 e il 24 ottobre scorso con un colpo di pistola alla testa davanti a un pub nella zona di Colli Albani. (Continua a leggere dopo la foto)








Al messaggio, si legge nell’informativa, la ragazza risponde: “Ci vediamo dopo”. Sacchi poi invia altri sms: “Spero tu faccia come mi hai detto se no ti meno, se scopro che hai fatto le cose a cazzo senza di me…”. Durante il processo la ragazza è rimasta impassibile, con uno sguardo glaciale anche davanti a Alfonso Sacchi e Concetta Galati genitori del di Luca, che insieme al figlio Federico i sono costituiti parti civili. (Continua a leggere dopo la foto)






Il terribile omicidio avvenne a sera del 23 ottobre scorso quando il personal trainer di 24 anni, venne colpito con un proiettile alla testa davanti al Jhon Cabot Pub della Caffarella. La fidanzata Anastasiya Kylemnik, baby sitter di 25 anni, raccontò che l’aggressione avvenne durante una rapina. Ma con il passare delle ore l’inchiesta della procura scoprì la verità; una compravendita di droga finita nel sangue. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Alcuni giorni dopo il delitto Valerio Del Grosso, esecutore materiale dell’omicidio e il suo complice Paolo Pirino, entrambi di San Basilio vennero arrestati. “Anastasiya era presente in aula – sottolineano gli avvocati Armida Decina e Paolo Salice legali dei Sacchi – ha ignorato l’intera famiglia Sacchi. Siamo rimasti colpiti dalla freddezza che ha dimostrato di avere”. Le prossime udienze ricominceranno il 9 giugno, con un fitto calendario fino al 30 ottobre giorno della sentenza.

Ti potrebbe anche interessare: Ornella Muti senza veli: fisico perfetto a 65 anni. Boom per la foto postata dalla figlia Naike Rivelli

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it