Fase 2, allarme dallo Spallanzani: rischio seconda ondata. Ecco perché


Fase 2, l’appello di Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani e membro del comitato tecnico scientifico, in un’intervista a Repubblica. Un appello alla responsabilità: “adesso bisogna fare attenzione alla seconda ondata – spiega . Tante riaperture tutte insieme portano con sé il rischio che l’epidemia riparta”.

Per far sì che questo non accada, è necessario continuare a rispettare le misure di prevenzione, in particolar modo il distanziamento sociale e l’uso di mascherine e guanti: “Più persone in giro, più contatti sui mezzi pubblici e nei negozi rendono fondamentale il rispetto delle misure di prevenzione – continua Giuseppe Ippolito – Altrimenti, nel giro di poco tempo ci troveremo a chiudere di nuovo tutto”. Continua dopo la foto









Anche lui, come sottolineato nella conferenza stampa di sabato sera dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sottolinea l’importanza del monitoraggio dei dati per permettere alle autorità, in caso di una nuova crescita dei contagi, di intervenire per evitare una nuova emergenza: “Dobbiamo avere ben chiaro che è fondamentale il monitoraggio della situazione- dice – I dati devono essere affidabili, tempestivi e disponibili per tutti con il massimo livello di dettaglio. Qualsiasi abbassamento delle misure deve andare di pari passo con l’aumento della responsabilità”. Continua dopo la foto






Sul fatto che l’accordo Governo-Regioni abbia rivisto ‘al ribasso’ il protocollo di sicurezza redatto dall’Inail, con le distanze che, ad esempio, sono diminuite a un metro anche all’interno dei locali, Giuseppe Ippolito dice che “spesso è necessario che le misure siano semplici e adottabili. La logica delle misure è di un distanziamento minimo di un metro, resta quindi sempre la stessa e deve essere applicata nelle diverse realtà”. E, da tecnico, sostiene che sia giusto che in questa fase la politica italiana, “che si è distinta per aver dato molto ascolto ai tecnici”, si assuma la responsabilità delle scelte e abbia quindi l’ultima parola. Continua dopo la foto



 


Con Giuseppe Ippolito si schiera anche il virologo Pregliasco. “Dal 18 maggio “sarà ‘liberi tutti’, anche in regioni come la Lombardia dove ancora i numeri sono a tre cifre. Ebbene, direi che si è fatto un compromesso tra salute ed economia; la voglia di riaperture era talmente forte che si è optato per questa via. Ora il monito agli italiani è quello di non pensare che ci siamo liberati anche del virus: manteniamo distanziamento sociale e mascherine, perché il nemico è ancora fra noi”.

Ti potrebbe interessare: “Proteggi i tuoi cuccioli dal cielo”. Mamma Viviana, 39 anni, stroncata dal tumore

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it