Francesca, 27 anni, muore folgorata sotto la doccia: l’ipotesi choc


Lutto a Poderia, frazione del Comune di Celle di Bulgheria, piccolo centro del Cilento, nella provincia di Salerno, per la morte di Francesca Maione, 27 anni, tragicamente morta mentre si trovava sotto la doccia, probabilmente folgorata da una scarica elettrica.

La tragedia si è consumata la sera di venerdì 16 marzo, nel giorno della festa patronale del piccolo centro nel Cilento in onore di Santa Sofia, pochi minuti dopo le 20, in via Vittorio Emanuele, alle porte del paese. L’acqua fuoriusciva dalla porta del bagno e la ragazza non rispondeva. Per questo motivo il fratello della giovane ha chiamato il padre e quando i due sono entrati nel bagno hanno fatto la tragica scoperta. (Continua a leggere dopo la foto)









I due hanno provato a rianimare Francesca, poi hanno chiamato i sanitari del 118. Ma per la giovane, purtroppo, non c’è stato nulla da fare. Inutile qualsiasi tentativo di soccorso, che hanno potuto solo constatarne il decesso. Il suo cuore aveva già smesso di battere. “L’ho vista poche ore prima mentre passeggiava felice e spensierata – racconta invece Angelo Carelli, consigliere comunale e amico di famiglia – una ragazza straordinaria, sempre molta attenta e partecipe alla vita sociale del Comune. Non riesco a crederci che non ci sia più”. (Continua a leggere dopo la foto)






Sul luogo della tragedia sono arrivati i vigili del fuoco del distaccamento di Policastro e i carabinieri della compagnia di Sapri, guidati dal capitano Matteo Calcagnile, che hanno effettuato tutti i rilievi del caso per determinare da dove possa essere partito il corto circuito che ha ucciso Francesca. Il pubblico ministero ha anche nominato un perito elettricista per verificare il funzionamento dell’impianto elettrico della casa. In stato di choc i genitori e il fratello della vittima. (Continua a leggere dopo la foto)



 

L’ipotesi più plausibili è che la giovane sia stata folgorata da una scarica elettrica che si sarebbe sprigionata dal braccetto della doccia. Francesca era appena rientrata da una passeggiata ed era andata a farsi una doccia. “Una notizia drammatica e inaspettata nel giorno della festa patronale – racconta a Repubblica il sindaco Gino Marotta – l’intera comunità è sconvolta. Francesca era una ragazza per bene, lavoratrice, ben voluta e stimata da tutti. Una perdita enorme per il nostro Comune”.

 

Coronavirus, l’Italia riapre i confini con l’Unione Europea: ecco la data

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it