Coronavirus, medico fermato con la fidanzata nel bagagliaio. Scoppia il caso


Un incredibile episodio ha avuto luogo in Italia nei giorni scorsi. Secondo quanto riferito, un medico, dottor Baschirotto, ha deciso di infilare la sua fidanzata nel bagagliaio della sua automobile per riuscire ad evitare i controlli delle forze dell’ordine, impegnate a far rispettare le disposizioni governative, necessarie per contenere la diffusione del coronavirus. Inoltre, il chirurgo ha accompagnato la donna alla festa di compleanno del figlio ed ha addirittura condiviso un video sui social network.

Ciò che è accaduto è adesso sotto la lente di ingrandimento dell’Ordine dei Medici, che potrebbe assumere dei provvedimenti. Il presidente dell’Ordine di Verona, Carlo Rugiu, ha commentato così la vicenda riguardante il chirurgo estetico, che su Instagram ha mostrato le immagini della partner, intenta ad uscire dal bagagliaio della vettura. “In casi come questo il primo passo è verificare se il professionista in questione sia iscritto all’Ordine dei Medici di Verona”. (Continua dopo la foto)









Rugiu ha aggiunto: “In caso affermativo, convocarlo per un chiarimento, a seguito del quale il presidente porta l’episodio all’attenzione del Consiglio per stabilire se ha o meno una rilevanza disciplinare”. Dopo aver postato il filmato in questione, il medico ha provveduto a bloccare il suo profilo, che in precedenza era pubblico, dopo le numerose polemiche scoppiate. Il presidente dell’Ordine dei Medici di Verona ha concluso il suo intervento in modo deciso. (Continua dopo la foto)






 

Il numero uno dell’Ordine ha detto ancora: “Non c’è dubbio che in questo momento fatti del genere gettano ombra su una categoria professionale che si sta impegnando con abnegazione e senso del dovere, spendendosi oltre ogni limite, e talvolta in carenza di adeguate protezioni, per far fronte all’emergenza Covid-19”. La clinica nella quale il chirurgo estetico svolge la sua professione ha preso le distanze dagli atteggiamenti assunti dal medico, diramando una nota stampa. (Continua dopo la foto)



La direzione della clinica ha voluto innanzitutto fare una precisazione: il medico protagonista di questo fatto non è un dipendente della stessa. Si tratta di “un libero professionista e che, come altri, utilizza le sale operatorie della struttura al bisogno ed in forma privata”. Il medico, intervistato, ha affermato: “Ho pensato che la cosa fosse divertente vista da fuori, i commenti dei follower erano divertiti”.

Coronavirus: fermata dalla polizia scrive sull’autocertificazione: “Sono prostituta in cerca di clienti”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it