Musica in lutto, addio al cantante e fondatore dello storico gruppo: aveva solo 46 anni


Il coronavirus si porta via un’altra vittima illustre. A soli 46 anni è infatti deceduto Mirko Bertuccioli, il fondatore de ‘I Camillas’. Conosciuto da tutti come ‘Zagor’, non è riuscito a superare la fase più acuta della malattia. Si è spento nella sua città d’origine, Pesaro. Dopo aver effettuato il tampone, risultato successivamente positivo al Covid-19, il suo stato di salute è peggiorato sempre più e dallo scorso 4 marzo si trovava in Rianimazione all’ospedale ‘San Salvatore’.

Ad annunciare la sua scomparsa e a ricordarlo un’ultima volta è stata proprio la band musicale con un post pubblicato su Facebook. Questa la didascalia che ha accompagnato l’immagine dell’artista: “Sono sempre lì a dire e fare e cantare e rovesciarvi e sorridervi”. Bertuccioli era stato in grado di dar vita ad una delle band italiane più divertenti assieme a Ruben, ovvero Vittorio ‘Toto’ Ondadei, che provenivano però da due formazioni diverse, ‘I Margot’ e ‘I Fangoso Lagoons’. (Continua dopo la foto)









Inizialmente Mirko e Vittorio si inventarono gli ‘Aerdynamics’ e a partire dal 2004 iniziò l’avventura con ‘I Camillas’. Nella scena musicale indipendente sono molto conosciuti. Sono stati bravi a riempire numerosi locali. ‘I Camillas’ sono poi diventati celebri a livello nazionale nel 2015, quando hanno preso parte a ‘Italia’s Got Talent’, riuscendo ad ottenere anche la finale del programma con le canzoni ‘Il gioco della palla’ e ‘Bisonte’, che fanno parte dell’album ‘Le politiche del prato’. (Continua dopo la foto)






L’ennesima sfortunata vittima del coronavirus a Pesaro aveva anche un negozio di dischi ‘Plastic’, visto che adorava il supporto fisico. Non amava particolarmente gli acquisti fatti online, infatti gli piaceva moltissimo avere rapporti interpersonali e dunque parlare con la gente. Ritornando al gruppo musicale, era in piedi da ormai 20 anni ed ha pubblicato numerosi dischi con le etichette ‘Wallace’, ‘Garrincha Dischi’, ‘Tafuzzy’ e ‘Trovarobato’. (Continua dopo la foto)



Il primo disco è datato 2007, ‘Everybody in the palco’. Nel 2015 spazio anche ad un libro, intitolato ‘La rivolta dello zuccherificio’ edito dalla casa editrice ‘Il Saggiatore’. Hanno inoltre firmato sigle come quella della trasmissione ‘Colorado’ di Italia 1 e ‘Il gioco della palla’ era finita nel programma ‘Gialappa’s’. Altri brani erano stati inclusi nell’Età dell’oro, realizzata da ‘La Buoncostume’ e trasmessa nel 2016 su ‘Discovery’ (Dplay).

Multa da 533 euro al medico che combatte il Covid: “Li scalo dal ridicolo stipendio”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it