Bimbo di 8 mesi ucciso dal cane di famiglia. È successo davanti alla mamma


Un’immane tragedia è avvenuta alla vigilia di Pasqua in Puglia. A Torre Pali, una frazione di Salve in provincia di Lecce, un bimbo di appena 8 mesi è stato ucciso dal cane corso di famiglia. L’episodio è avvenuto alle ore 20 di ieri, sabato 11 aprile. Il grosso animale, sfruttando presumibilmente una disattenzione della mamma e della nonna che erano in casa con lui, ha attaccato alla testa la piccola vittima e per quest’ultima non c’è stato purtroppo nulla da fare per le gravi ferite riportate.

L’accaduto, che ha avuto luogo quindi all’ora di cena, ha scioccato tutti. I soccorritori sono stati immediatamente chiamati e sono giunti tempestivamente sul luogo della tragedia. Nonostante il pronto intervento dei sanitari del 118, il bambino è arrivato morto all’ospedale di Tricase, dove era stato portato urgentemente. Le sue condizioni di salute erano comunque apparse subito molto critiche e la disperata corsa verso il nosocomio leccese si è rivelata inutile. (Continua dopo la foto)








Sul posto sono intervenuti anche i Carabinieri. I militari hanno proceduto a porre sotto sequestro il cane corso, alla presenza del medico veterinario della Asl di Maglie. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, sia la madre del bimbo di 8 mesi che la nonna avrebbero cercato in tutti i modi di intervenire per evitare il tragico epilogo, senza però riuscirci. Le ferite al capo procurate dall’animale di famiglia sono state gravissime e il bimbo è quindi purtroppo deceduto. (Continua dopo la foto)






Il papà del piccolo è molto conosciuto nel paese dove si è materializzato il dramma. Lavora infatti come istruttore all’interno di una palestra. A quanto appreso, prima di ieri il cane di grossa taglia non aveva mai dato problemi o segni di aggressività di alcun genere. Spetterà ovviamente adesso ai Carabinieri fare definitiva chiarezza sulla dinamica dei fatti. In attesa delle indagini, ciò che resta è il grandissimo dolore di una famiglia per una tragedia inaspettata. (Continua dopo la foto)



 

Un paio di mesi fa era stato invece aggredito un 40enne a Nova Milanese dal suo stesso cane, riportando gravi ferite all’organo genitale e ai testicoli. Per difendersi dall’aggressione, era stato costretto ad uccidere l’animale con un coltellino che aveva in suo possesso. Ad allertare le forze dell’ordine era stato un passante che aveva assistito alla scena. L’uomo era stato soccorso in codice giallo e trasferito all’ospedale di Monza.

Coronavirus, parla l’esperto: “Vaccino pronto in tempi da record”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it