“La strage di Natale”. Inferno sulla strada statale. Il suono delle gomme che fischiano sull’asfalto poi il boato. Tre vite spezzate. Della macchina sui cui erano a bordo restano solo lamiere.


 

Inferno sulla strada. Terribile incidente nella notte di Natale lungo la strada statale 598 che collega Atena Lucana (Salerno) con Brienza (Potenza). Per cause ancora in via di accertamento, intorno alle 21.40 un’auto e un Tir si sono scontrati. L’impatto, violentissimo, non ha dato scampo alle tre persone a bordo della macchina che sono morti sul colpo. Ferito, l’autista dell’autoarticolato. Sul posto, insieme alla compagnia dei carabinieri di Sala Consilina guidata dal tenente Davide Acquaviva e dei mezzi di primo soccorso, una squadra dei Vigili del Fuoco che, per ore, ha lavorato per estrarre i corpi dalle lamiere. Nel paesino salernitano è stato indetto il lutto cittadino, i festeggiamenti per il natale sospesi in segno di rispetto per le vittime. Il traffico lungo la strada che di solito è importante è stato bloccato fino a notte inoltrata. Tonino Petrone, Serafino Cicchetti e Tonino Schettino: avevano tutti circa 50 anni. Una tragedia che riporta alla strage di Silla di Sassano quando morirono quattro ragazzi. (Continua dopo la foto)



 

Anche in questo caso se le vittime non sono giovani resta lo sconforto. Nella fredda notte di Atena Lucana le lacrime dai visi del sindaco Iuzzolino e di altri ateniesi arrivati sul posto hanno sconvolto ancora una volta il Vallo di Diano. Anche sui volti esperti dei soccorritori si è potuta notare quanto sia stata tragica la scena della tragedia. Per appurare le eventuali responsabilità, come detto, ci sarà tempo e gli accertamenti dei carabinieri saranno fondamentali in tal senso.

(continua dopo le foto)



 

Resta per ora la tragedia e la commozione per l’immane dramma che ha sconvolto diverse famiglie ad Atena. Un particolare rende ulteriormente agghiacciante la tragedia. I tre erano diretti nella vicina Brienza per una veglia funebre di un camionista sposato ad Atena Lucana e morto a Ravenna a causa delle esalazioni della cisterna. Lui morto a soli 39 anni. Una notizia che aveva sconvolto già il paese. 

“È un angelo, è la sua anima che lascia il corpo”. Il motociclista muore sull’autostrada dopo un brutto incidente ed ecco cosa appare sopra di lui. La foto impressionante fa il giro del web: “Ci guarda tutti dall’alto”. E voi cosa ne pensate?