Tragedia di Natale. 28 anni appena, ragazza muore in circostanze tremende. Mentre era col suo fidanzato. Una serata in famiglia e poi in pochi istanti, il dramma


 

Tragedia nel giorno di Natale. 28 anni appena, ragazza muore in circostanze tremende. Mentre era col suo fidanzato. Una serata in famiglia, i giochi e poi in pochi istanti, il dramma. Doveva essere una giornata serena e felice, come ci si aspetta che sia quella di Natale e la vigilia. Invece, nel giro di pochi secondi, la tragedia. Tremenda. E successo a Sottomarina, nella notte di Natale. Probabilmente dopo avere passato una serata in famiglia, il cenone, i giochi, le carte, due fidanzatini stavano tornando a casa. Passeggiando. Ma all’improvviso è spuntata un’auto, in via Giovanni da Verrazzano. Una Citroen ha investito la coppia di fidanzati che sfortuna ha voluto, proprio in quel momento stava attraversando la strada sulle strisce. Erano da poco passate le due. Nel terribile incidente ha perso la vita Elena Boscolo Contadin, aveva appena 28 anni. Il fidanzato è stato portato in ospedale con fratture alle gambe. Non è in pericolo di vita. (Continua a leggere dopo la foto)







 

Alla guida della vettura c’era un altro giovane, di ventiquattro anni. Sempre del posto. Sembrerebbe che il conducente, come riporta il Gazzettino, inizialmente abbia proseguito la sua corsa. Poi forse si è reso conto e sarebbe tornato indietro. La paura, l’incredulità, lo avrebbero spinto a tornare sul luogo dell’incidente, ma non dichiarandosi come parte dello scontro. Tornato, sembrerebbe, come semplice spettatore. Così risulta agli investigatori. Un “ruolo” che però è durato poco. Ma alle domande dei carabinieri, che gli chiedevano se avesse per caso assistito alla scena, ha reagito nervosamente. Insospettendoli. (Continua a leggere dopo le foto)




 


 

Poi non ce l’ha più fatta e alla fine è arrivato a confessare la verità. Il ragazzo è stato denunciato a piede libero per omicidio colposo e omissione di soccorso. Un dramma, la morte di una così giovane ragazza, reso ancora più tremendo dalla giornata in cui è accaduto. Mentre in famiglia erano pronti a festeggiare il 25 dicembre. Poi la notizia che ha cambiato tutto.

“A scuola? Non ci voglio andare!”, tragedia dopo una tipica discussione familiare. “Ti ci porto a forza, se necessario”, poi il ragazzo però fa qualcosa di veramente orribile. Una storia che non avremmo mai voluto raccontare: i dettagli

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it