Omicidio Rosboch: Gabriele Defilippi positivo al coronavirus. È stato scarcerato


Gabriele Defilippi, condannato per l’omicidio della professoressa Gloria Rosboch.  l’insegnante 49enne di Castellamonte, piccolo comune del Torinese, scomparsa dalla casa dove viveva con i genitori il 13 gennaio 2016 e ritrovata cadavere un mese dopo, il 19 febbraio, in una discarica abbandonata nei boschi di Rivara, uscirà di prigione.

Il 26enne è risultato positivo al tampone del coronavirus. Per questo motivo è stata disposta la scarcerazione dal Tribunale di Sorveglianza di Torino e la messa in detenzione domiciliare. Gabriele Defilippi dovràrispettare il periodo di quarantena, così come previsto da protocollo per i positivi al Covid-19. Il 19 dicembre del 2019 Defilippi è stato condannato dalla prima sezione penale della Corte di Cassazione a 30 anni. (Continua a leggere dopo la foto)








Gloria Rosboch scomparve il 13 gennaio e il suo corpo fu ritrovato un mese dopo in una discarica a Rivara. Secondo l’accusa, dietro l’omicidio c’era un raggiro. Gabriele Defilippi, suo ex allievo, convinse l’insegnante a versargli 187 mila euro in cambio della promessa di una nuova vita in Francia, precisamente in Costa Azzurra. (Continua a leggere dopo la foto)






La donna a un certo punto chiese i soldi indietro e alla fine nel 2015 presentò una denuncia per truffa nei confronti di Defilippi, che aveva diversi profili sui social in cui si mostrava in vari travestimenti, anche da donna. Quando la donna – come ricostruito dalle indagini – si rese conto che erano parole al vento, chiese la restituzione della somma. Poco dopo si persero le sue tracce. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Secondo quanto ricostruito durante le indagini e il processo, Rosboch il giorno della scomparsa, è salita volontariamente in auto con Defilippi e Obert. I due volevano probabilmente convincerla a ritirare la denuncia, ma alla fine la donna fu strangolata e poi gettata in una discarica. A consentire il ritrovamento del corpo fu l’amico di Defilippi, Obert.

Coronavirus, la prima buona notizia: contagi dimezzati. Ma ancora tanti decessi

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it