Coronavirus, contagi in calo ma torna a salire il numero dei morti


Sono più di 16500 i morti in Italia nella crisi Coronavirus. Secondo i dati diffusi dalla Protezione Civile, nelle ultime 24 ore ci sono state altre 636 vittime (111 in più rispetto ai 525 di ieri, il numero più basso dal 19 marzo), per un totale di 16523 decessi dall’inizio dell’emergenza. I guariti sono 22837 (+1022). I casi attualmente positivi sono 93187 (+1941). Le persone in isolamento domiciliare sono 60313. I pazienti ricoverati sono 28976, appena 27 in più rispetto a ieri. Ma tra le notizie positive del giorno vi è ancora quello relativo alla terapia intensiva dove si trovano 3898 persone, 79 in meno di ieri. Il calo è arrivato al terzo giorno consecutivo. In tutto sono stati eseguiti 721732 tamponi. I casi totali di Coronavirus dall’inizio dell’emergenza sono 132547.

Intanto aumenta il numero dei camici bianchi vittime dell’epidemia. Sono saliti a 87 i medici morti per coronavirus in Italia. E’ quanto emerge dall’ultimo aggiornamento dell”elenco caduti’ pubblicato dalla Fnomceo, Federazione nazionale Ordini medici. Il precedente ‘bollettino’ Fnomceo riportava 77 caduti, che nel weekend erano saliti a 80 con la notizia dei decessi di Giovanni Battista Tommasino, medico di medicina generale, dell’oftalmologo Paolo Peroni e di Giandomenico Iannucci, anche lui medico di famiglia. Continua dopo la foto









I 7 nomi nuovi sono quelli di: Riccardo Zucco, neurologo; Ghvont Mrad, medico termale; Gianbattista Bertolasi, medico di medicina generale; Silvio Lussana, medico internista, ex primario di Medicina; Giuseppe Aldo Spinazzola, cardiologo; Vincenzo Emmi, rianimatore; Carlo Amodio, radiologo ed ex primario di Radiologia. E’ di quasi un milione e 300mila casi il bilancio della pandemia di coronavirus nel mondo, secondo l’ultimo bilancio della Johns Hopkins University. Le persone contagiate sono in totale 1.275.542, mentre le vittime ammontano a 69.514. Continua dopo la foto






Le persone guarite sono invece 262.999. I Paesi più colpiti sono, nell’ordine, Stati Uniti, Spagna, Italia, Germania, Francia, Cina, Iran, Regno Unito, Turchia, Svizzera, Belgio e Olanda. Più di 50mila i morti in Europa , secondo un conteggio della France Presse. L’85 per cento delle 50mila vittime si registra in Italia, Spagna, Francia e Regno Unito. Con un totale di 50.209 morti (su 675.580 casi), l’Europa è il continente più colpito dalla pandemia di Covid-19. Con 15.877 e 13.055 morti rispettivamente,l’Italia e la Spagna sono i Paesi più colpiti al mondo. Continua dopo la foto



 


La Francia conta 8.078 morti mentre il Regno Unito ha registrato 4.934 decessi. Sono più di mille e duecento, infine, le persone che hanno perso la vita nelle ultime 24 ore negli Stati Uniti a causa del Covid-19. Lo rende noto la Johns Hopkins University, aggiornando a 9.654 il numero dei morti. Sono invece 337.971 le persone contagiate dal coronavirus negli Stati Uniti. I dati comprendono i casi di tutti i 50 stati Usa, del Distretto di Columbia, dei territori d’oltremare e dei cittadini rimpatriati. L’unico stato che non ha finora riportato ufficialmente decessi da Covid-19 è il Wyoming.

Ti potrebbe interessare: Gravissimo lutto per Pep Guardiola: la notizia arrivata poco fa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it