“Attenzione alla truffa delle monetine”. Occhio al borsellino. Quella che credi essere monete da uno o due euro possono in realtà rivelarsi false. La polizia spiega come riconoscerle


 

La cosiddetta “truffa delle monetine” torna a mietere vittime. Non è la prima volta che se ne sente parlare, ma adesso, proprio sotto le feste di natale, nel momento dell’anno in cui si è più propensi a fare acquisti, è ricominciata questa forma di imbroglio ai danni di consumatori, ma anche commercianti ignari. Quindi bisogna fare molta attenzione al resto. Quella che pensiamo essere una moneta da uno o due euro può in realtà rivelarsi una moneta molto simile o quasi uguale, magari di un Paese extraeuropeo o fuori corso. Quante volte ci è capitato di prendere il resto, osservando alla meno peggio? Tantissime. Ecco per non ritrovarsi son un mucchietto di soldi senza valore è bene aguzzare la vista, prendersi un secondo in più per fare un controllo accurato. È la Polizia di Stato, tramite la pagina Facebook Agente Lisa, a consigliare di “prestare attenzione al resto in monete di uno e due euro, perché facilmente confondibili con monete di altri Paesi extraeuropei con un valore inferiore e di vecchi coni”. (Continua a leggere dopo la foto)



Il fenomeno ovviamente si verifica soprattutto nei periodi di massima affluenza di turisti come appunto il Natale e il Capodanno. Ma casi di questo genere si erano verificati in passato anche nel periodo di Pasqua e Ferragosto. Già all’inizio dell’anno la pagina Facebook della Polizia di Stato aveva messo sul chi vive, specificando che la problematica riguarda anche altri paesi. Il vicepresidente di Federconsumatori, Sergio Veroli, spiega: “Occorre stare molto attenti quando si fanno gli scambi di denaro e di valutare bene il resto, soprattutto in prossimità dei centri interessati da un grande afflusso di stranieri e turisti, perché è più facile che si verifichino truffe o errori”. 

(Continua a leggere dopo le foto)



 

Spesso, rileva sul social network l’Agente Lisa, “nemmeno il negoziante si rende conto che gliele hanno rifilate e senza volerlo a sua volta ve le danno come resto, perché forma, dimensione e metalli utilizzati possono ingannare”. Per questo motivo è bene “prestare sempre grande attenzione”. Quindi è molto importante prestare grande attenzione e denunciare immediatamente, qualora rimaneste vittima della truffa, alle forze dell’ordine per segnalare l’imbroglio.

Ti potrebbe interessare anche:  “Non aprite quel video”. La nuova, terribile truffa nella quale stanno cadendo centinaia di italiani. Un file da non aprire assolutamente: il rischio è quello di vedersi svuotato il conto nel giro di poche ore