Coronavirus, orge in strada e insulti alla polizia: “Ecco la nostra quarantena”


Ha dell’incredibile quanto accaduto in Emilia Romagna, precisamente a Rimini, dove tre persone, un uomo e due donne, sono state denunciate in piena emergenza coronavirus. Secondo quanto riferito da “Repubblica.it”, un uomo e due donne si divertivano ad aggirare i divieti imposti dalla quarantena facendo sesso a tre in luoghi pubblici all’aperto per poi pubblicare on line le loro avventure.

Il trio è stato fermato dalla polizia stradale di Rimini per aver evaso l’obbligo di quarantena per coronavirus per fare un’orgia all’aperto e poi pubblicare il filmato in rete. Nei loro video, circa una novantina, si vedono i tre fare sesso in vari luoghi della città deserta. In uno di questi addirittura avevano appostato la loro macchina davanti al comando della Municipale di Rimini in via della Gazzella e pronunciato frasi contro le forze dell’ordine come: “È così che passiamo la quarantena. Sbirri di m****a!“. (Continua a leggere dopo la foto)









“Non solo non ce ne frega un c***o se ci saranno milioni di morti, ma anzi ci godiamo pure. Del vostro genere umano del c***o non ce ne frega nulla, dovete crepare uno per uno s******i di m***a”, dicono i tre in un altro video circolato in rete in questi giorni. Nelle immagini, oltre a fare sesso sul cofano della vettura, si vede una delle ragazze scavalcare la recinzione che protegge l’autostrada e, sulla corsia di emergenza, mostrare il seno agli automobilisti. (Continua a leggere dopo la foto)






E ancora un video dove i tre hanno rapporti nei supermercati, in un negozio Ikea, tra scaffali e mobili. Analizzando i vari video, la polizia risalirà a data e ora del filmato per poi “applicare anche le sanzioni previste per le violazioni alle prescrizioni di limitazione della circolazione”. Nel frattempo i tre giovani sono stati denunciati per atti osceni in luogo pubblico, oltraggio a pubblico ufficiale e diffamazione a mezzo stampa. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Il trio si firmava con Dollscult Satanic Family e i loro video hanno fatto in poco tempo il giro di tutta la Romagna, e non solo. L’uomo è 38enne cesenate residente a Rimini, mentre le due donne del trio sono una 32enne della provincia di Frosinone e una 31enne palermitana, entrambe domiciliate nell’abitazione dell’uomo. Sono stati denunciati per atti osceni in luogo pubblico, oltraggio a pubblico ufficiale e diffamazione a mezzo stampa.

 

Coronavirus, lutto nel mondo dello sport. È morto un grande

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it