Coronavirus, ecco il nuovo modulo di autocertificazione per gli spostamenti. Aggiornato al 26 marzo


Il capo della polizia di Stato, Franco Gabrielli, lo aveva annunciato già in mattinata: cambia, ancora una volta, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti, in considerazione dei divieti disposti per l’emergenza coronavirus. “Stiamo per editare una nuova autocertificazione. Su questo è stata fatta anche ironia sul web, ma non lo facciamo perché non sappiamo cosa fare ma perché cambiano le disposizioni e dobbiamo aggiornarle”, aveva spiegato.

Il nuovo modulo è arrivato perché, ha spiegato Gabrielli, “iI furbi, quelli che vogliono disattendere la legge vanno perseguiti con rigore e con estrema severità ma c’è una parte di cittadini che vive una condizione di necessità e questa necessità non sempre trova riscontro in un modulo. Bisogna intercettare le loro necessità, colpire i furbi ma aiutare e persone che hanno bisogno, che sono dalla nostra parte ma che sono messi in una posizione non corretta dalla mancata comprensione delle disposizioni”, ha sottolineato Gabrielli.










Che ci sianoi furbi lo spiegano i dati. Sono, infatti, oltre 200mila le persone controllate e quasi 6mila quelle denunciate nel corso dei controlli delle forze dell’ordine sul rispetto delle misure di contenimento del coronavirus. Si tratta di numeri dati diffusi dal ministero dell’Interno relativi alla sola giornata di mercoledì 25 marzo. In particolare sono state sottoposte a verifica 202.188 persone: 5.774 sono state denunciate per violazione dell’articolo 650 mentre 92 per false dichiarazioni. Sono invece 92.445 i negozi controllati. In particolare 101 titolari di esercizi commerciali sono stati denunciati mentre sono state sospese 23 attività.






“La stragrande maggioranza degli italiani vive con sofferenza e fastidio disposizioni che limitano le nostre libertà e i nostri movimenti, ma le rispetta. Ma c’è un’altra parte che o perché non ha compreso o perché non è consapevole del rischio è sempre un po’ allergica e si comporta in modo negativo – è la denuncia del capo della Polizia – introducendo in questo complesso sistema un vulnus, un baco che può pregiudicare il tanto che si sta facendo”.



“Fino al 24 marzo abbiamo controllato oltre 2,5 milioni di persone e abbiamo rilevato 110mila comportamenti non corretti sanzionabili”, è il dato fornito da Gabrielli per il quale “il tema sanzioni è un tema importante, avevamo segnalato la necessità di indicazioni più chiare e il governo si è determinato col decreto entrato in vigore da poche ore ci offre un quadro sanzionatorio diverso”. L’articolo 4 del decreto legge 19, ricorda il capo della Polizia “stabilisce che non c’è più un reato penale ma un comportamento sanzionabile con un’ammenda che va da 400 a 4000 euro e stabilisce anche le disposizioni per le sanzioni elevate ai sensi del 650. Quindi le 110 mila sanzioni non finiranno in un nulla ma saranno anch’esse sanzionate con una sanzione amministrativa pari a 200 euro”.

SCARICA QUI IL NUOVO MODULO AUTOCERTIFICAZIONE SPOSTAMENTI AGGIORNATO AL 26 MARZO 2020

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it