+++ Ultim’ora +++ Incubo senza fine. La terra continua a tremare nel cuore d’Italia. L’ultima scossa poco fa


 

 

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.3 è stata registrata dall’Ingv ad una profondità di 8 km. La scossa è stata avvertita intorno alle 13 in provincia di Macerata. I comuni più vicini sono Castelsantangelo sul Nera, Visso, Ussita e Preci. In seguito alla scossa, riporta Il Resto del Carlino, è crollata definitivamente una parete del teatro di Visso che era già stata danneggiata dalle scosse precedenti. Non ci sono persone coinvolte. I vigili del fuoco non hanno registrato altri danni di rilievo nelle zone dell’epicentro. Sono quasi pronti intanto i container per la popolazione sfollata di Camerino, per ora l’unica città marchigiana ad avere individuato le aree per l’allestimento dei prefabbricati. Il Comune ha pubblicato ieri l’avviso di assegnazione dei moduli abitativi provvisori che hanno anticipato l’arrivo delle casette di legno, previsto per la primavera. Pronto, per ora, il campo allestito nell’area urbanizzata B di Vallicelle, una delle tre individuate e già presenti perché realizzate dopo il sisma del 97. (Continua dopo la foto)



I posti letto – ricorda il Comune – sono destinati ai cittadini residenti a Camerino che abbiano un’abitazione danneggiata in cui avevano dimora abituale e continuativa in proprietà, in affitto o ad altro titolo nel territorio comunale. La struttura deve essere inagibile a seguito delle verifiche dei tecnici, situata in zona rossa, in attesa di verifica di agibilità (per la quale però il richiedente dovrà dichiarare che è distrutta o inagibile). La graduatoria terrà conto di alcuni criteri e priorità.

(Continua dopo le foto)


 


 

 

È già possibile presentare le domande, con il termine di scadenza fissato per martedì 20. Una situazione insomma che ancora è lontana dal potersi dire normale, come a Amatrice dove a quattro mesi dal sisma si fanno conti con la distruzione è un’economia ferma. Settimane il sindaco della città simbolo del sisma Sergio Pirozzi aveva chieso alla Unione Europea l’istituzione di una “no tax area” per i territori del centro Italia colpiti dal terremoto e la creazione di un nuovo logo, “Terre di Amatrice”. Il logo riporta delle montagne circondate da sette stelle gialle e dalla bandiera tricolore. Un simbolo di bellezza. Un simbolo di rinascita.

“Ma anche no”. Choc totale in diretta tv: nel bel mezzo della maratona televisiva sul terremoto che ha devastato il centro Italia, l’inviata di La7 se ne esce con una proposta di pessimo gusto