Si era trasferita in Brasile per cambiare vita e ci era riuscita poi, la notte scorsa, l’hanno trovata senza vita. ”Aveva escoriazioni su tutto il corpo”, fa sapere la polizia ma è ancora giallo sulla morte di Pamela


 

Si era trasferita da pochi mesi in Brasile. Pamela Canzonieri, 39 anni di Ragusa, aveva deciso di cambiare vita e aveva scelto il Brasile come meta, per la precisione Morro de São Paulo, villaggio senza macchine di un’isola vicino alla chiassosa Salvador de Bahia. Ma in quella terra ha trovato la morte: la polizia locale non esclude il delitto. È stato Giovanni – uno dei due titolari del locale per il quale lavorava come cameriera dal 9 ottobre – a trovare il corpo di Pamela Canzonieri senza vita. “Segni di percosse, di violenza fisica”, scrive in modo molto sintetico la Polícia di Tinharé, il capoluogo dell’isola che da qualche tempo deve fare i conti con una recrudescenza della criminalità: si parla di quattro omicidi solo nell’ultimo mese. Inoltre è di pochi fa giorni fa la notizia del pestaggio a morte di un turista argentino, il trentottenne Marcelo Gabriel Rey, sempre a Morro de São Paulo. Tuttavia è davvero singolare il modo in cui la famiglia della trentanovenne è venuto a conoscenza della tragedia. Non è stata informata né dalla Farnesina, né dalle forze dell’ordine.

(Continua a leggere dopo la foto)








La sorella di Pamela, Valeria, ha letto in portoghese l’addio alla sorella e non voleva credere ai propri occhi. “Pamela era felice e tranquilla, la sentivo spesso e nulla poter far pensare a una fine del genere”, ha spiegato alla polizia di Ragusa Valeria che aspetta di prendere il primo volo per il Brasile con il padre Giovanni. Dopo aver letto il messaggio sul social network, la ragazza ha immediatamente cercato di mettersi in contatto con Pamela ma non c’è stato nulla da fare. A Morro de São Paulo Pamela viveva in un appartamento all’interno di un residence nel quartiere di Mangaba, dove sarebbero state rinvenute sostanze stupefacenti, cocaina e marijuana.

(Continua a leggere dopo la foto)





“La causa della morte non è ancora certa e non vogliamo arrivare a conclusioni affrettate – ha detto con molta prudenza il commissario Argimaria Freitas che sta seguendo le indagini -. Sul corpo della vittima c’erano alcuni segni ma non sappiamo se si è trattato di aggressione né se hanno provocato il suo decesso”. Morro de São Paulo è per i brasiliani naturaleza , storia e quiete. Per Pamela è stata invece la fine.

Ti potrebbe anche interessare

Maria Giulia, l’italiana che ha ‘mollato’ la vita da ragazza per unirsi all’Isis. La sua storia ha sconvolto il paese e ora emergono nuovi fatti choc. Ecco cosa faceva

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it