“È solo influenza”. Bimba muore a 17 mesi: dimessa per 4 volte dall’ospedale


Altro che una banale influenza… I medici avrebbero toppato nel formulare la diagnosi per una bimba di 17 mesi. Per ben quattro volte è stata rimandata a casa dal pronto soccorso e quando ci è ritornata per la quinta volta ormai la sua situazione si era aggravata a tal punto da condurla al decesso. Così è morta nelle scorse ore una bambina valdostana che era stata ricoverata all’ospedale pediatrico Regina Margherita di Torino dopo quattro passaggi al pronto soccorso dell’ospedale di Aosta. Nel capoluogo piemontese la piccola era arrivata già in condizioni disperate il 12 febbraio scorso e ricoverata nel reparto di terapia intensiva del Regina Margherita.

Nonostante ogni sforzo per salvarle la vita, purtroppo i medici hanno dovuto diagnosticare la sua morte cerebrale e, dopo il periodo di osservazione, il decesso. Sul caso della piccola ora indaga la Procura di Aosta a seguito della denuncia dei genitori che chiedono di accertare la corretta condotta dei medici che l’hanno visitata. Il fascicolo di indagine ipotizza il reato di omicidio colposo e vede indagati per ora i quattro medici del pronto soccorso che hanno visitato la piccola giungendo alla stessa conclusione seppur in giorni diversi. (Continua a leggere dopo la foto)







Si tratta di un atto dovuto e a loro tutela poiché permette loro di assistere all’autopsia con un proprio consulente. Sul corpicino della bimba infatti nei prossimi giorni sarà effettuato l’esame autoptico. Nel frattempo la polizia ha sequestrato le cartelle cliniche della piccola per ricostruire quanto accaduto. Da una prima ricostruzione è emerso che la bimba era giunta nel presidio pediatrico Beauregard di Aosta già il 5 febbraio scorso quando era sta dimessa per quella che sembrava una banale influenza. (Continua a leggere dopo la foto)






L’indomani, però, vedendola che non migliorava affatto,  i genitori sono ritornati ma la conclusione è stata la stessa. Il terzo ingresso invece l’11 febbraio quando il medico ha riscontrato un peggioramento rimandandola però sempre a casa. Il giorno dopo la situazione è peggiorata ulteriormente, la bimba è stata soccorsa da un’ambulanza per sintomi molto più gravi e un’ora dopo il suo arrivo in ospedale il quadro clinico è precipitato. (Continua a leggere dopo la foto)



 


La bimba è stata rianimata e trasferita d’urgenza in elicottero alla terapia intensiva del Regina Margherita di Torino dove è arrivata però con una grave insufficienza respiratoria e in arresto cardiaco. Ha lottato per alcuni giorni e poi si è spenta per sempre tra lo strazio dei genitori che però come ultimo gesto hanno deciso di donare i suoi organi.

Ti potrebbe anche interessare: “Cosa c’è tra me e Valentina”. Dopo le clamorose foto con ‘lei’, Eros Ramazzotti rompe il silenzio

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it