Firenze piomba di nuovo nel terrore. Il maltempo sta distruggendo mezza Italia. Intanto il pericolo è per gli Uffizi, l’Arno ora fa paura: è vicinissimo. La situazione


 

L’Arno in piena, dopo una notte di nubifragi, comincia a fare paura, con i livelli in crescita anche nel tratto della città di Firenze. Il livello all’idrometro degli Uffizi ha raggiunto alle 15.45 il livello di 3 metri e 99 centimetri, corrispondenti al colmo di piena. Lo rende noto la Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze. E’ stata invece superata la seconda soglia (5.50) alla Nave a Rosano, l’altezza dell’acqua ha raggiunto 5.65 metri. Per consentire il passaggio dell’onda di piena dell’Arno è stato chiuso temporaneamente al transito il ponte Vespucci. I vigili del fuoco di Firenze sono intervenuti sul greto dell’Arno, in lungarno Serristori, per il recupero di mezzi d’opera, un cointainer ed attrezzature di una ditta impegnata nei lavori di ripristino del lungarno Torrigiani, interessato nel maggio scorso da una voragine.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

L’area del cantiere è stata investita dall’onda di piena del fiume. Il cantiere era aperto fino a venerdì scorso, quando il tratto di lungarno Torrigiani è stato riaperto. A Fucecchio (Firenze), in località Massarella, è crollato un muro lungo la sede stradale di via via Ramoni. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per la messa in sicurezza della zona. Vicino al muro crollato si trova un’abitazione che non è stata interessata dallo smottamento. La Protezione civile avverte che l’allerta meteo, con codice arancione, valida per tutto il giorno di oggi è confermata fino alle ore 16 di lunedì 7 novembre per rischio idraulico sul reticolo principale nelle zone del Valdarno Superiore, di Firenze, del Valdarno Inferiore.

(Continua a leggere dopo il video)

 

 

Situazione critica ad Arezzo, con diffusi allagamenti in seguito al violento nubifragio che ha colpito la città. Sul torrente Gavardelle un ponte è crollato e cinque famiglie sono isolate. Sempre in provincia di Arezzo, tra Verniana e Monte San Savino, è esondato il torrente Esse. Allagamenti si sono verificati anche nella zona di Anghiari, in Valtiberina e vicino all’aeroporto di Arezzo. L’ondata di maltempo in Toscana ha colpito in modo particolare la provincia di Arezzo, dove si registrano esondazioni di torrenti e fiumi, tra cui l’Ambra e l’Arno a Ponte a Buriano. Le esondazioni hanno interessato soprattutto terreni agricoli. In Valdambra la situazione appare particolarmente critica per la piena del torrente Ambra. In Versilia un nubifragio ha provocato allagamenti a Viareggio, guasti e interruzioni di elettricità.

 

Caffeina News by Adnkronos

(www.adnkronos.com)

 

Ti potrebbe interessare anche: Uffizi, concluso il restauro che ha dato nuova luce a Ercole e Nesso