Angelo è morto, stroncato da un malore mentre ballava: aveva 25 anni


Dramma a Arzano, un ragazzo di 25 anni, Angelo De Rosa è morto mentre stava partecipando a una serata di balli latinoamericani nell’Uci Cinemas di Casoria quando si è sentito male e si è accasciato a terra. Immediatamente sono stati avvertiti i soccorsi, ma quando i sanitari sono giunti sulla pista per Angelo non c’era più nulla da fare.

Angelo De Rosa era un appassionato di balli sudamericani e da diverso tempo frequentava la Dynamique Ballet Studio. Gli amici che condividevano con lui la passione per il ballo sono scioccati dall’accaduto, così come tutte le persone che conoscevano Angelo De Rosa. Continua dopo la foto







Ricordato come un ragazzo sorridente e amante, moltissimi hanno affidato un ultimo saluto ai social con messaggi struggenti. L’infarto del miocardio (o miocardico) si verifica quando un trombo (coagulo di sangue) interrompe improvvisamente il flusso di sangue all’interno di un’arteria coronaria (vaso sanguigno che porta il sangue ad una parte del muscolo cardiaco). Continua dopo la foto






L’interruzione del flusso sanguigno diretto al cuore, con il protrarsi dei minuti ed ore può danneggiare o distruggere (necrosi) una parte del muscolo cardiaco (miocardio). Tuttavia, se il flusso sanguigno viene ripristinato in tempi brevi, il danno al cuore può essere limitato o addirittura evitato. Un infarto del miocardio, anche chiamato attacco cardiaco, può essere fatale. Continua dopo la foto



 


Questo succede per lo più quando le persone confondono i loro sintomi con una malattia meno grave, come l’indigestione, e ritardano l’accesso in ospedale. Dunque, per ridurre la mortalità è fondamentale che il paziente o i familiari riconoscano prontamente i sintomi al fine di attivare i soccorsi e le relative strategie terapeutiche urgenti (farmacologica e soprattutto riperfusione meccanica con angioplastica).

Ti potrebbe interessare: Angelo è morto, stroncato da un malore mentre ballava: aveva 25 anni

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it