“Guardate, c’è lui in questo film porno”. E lo hanno ‘beccato’ proprio così, mentre si dava da fare con due donne davanti alle telecamere hot. Un (assurdo) caso italiano


 

In teoria, un periodo di congedo retribuito dal servizio nel corpo forestale a causa di “gravi motivi famigliari”. In pratica, una scusa per assentarsi e girare un film porno che lo vedeva come protagonista e le cui riprese si svolgevano a Miami. Questa l’incredibile accusa mossa verso un agente dei berretti verdi, S.V., che è stato sospeso dal servizio dal gip di Potenza Amerigo Palma. L’uomo, un lucano di 43 anni, è indagato per truffa aggravata per aver essersi allontanato dalla Basilicata per 36 giorni dei 268 che gli erano stati concessi per assistere un parente malato. Inclusi quelli “dal 23 luglio al 10 agosto 2015”, quando come si legge nell’atto “si recava negli Stati Uniti per girare un film porno”. La truffa era stata scoperta per caso: un superiore aveva notato per caso il trailer del film, ancora in vendita sul sito di un’attrice hard, e ha notato quel volto a lui noto.

(Continua a leggere dopo la foto)






 

Come riporta La Repubblica, a giugno il diretto interessato aveva presentato a sua volta denuncia contro ignoti per aver diffuso il filmato incriminato su WhatsApp, dove è bastato poco perché diventasse virale tra amici e conoscenti. Agli agenti della polizia postale il forestale aveva spiegato di essere un habitué della capitale della Florida da diversi anni, e di essere stato adescato da due signore nella piscina di un albergo, come si vede nel video, aggiungendo poi di non essersi accorto di essere finito su un set a luci rosse.

(Continua a leggere dopo la foto)

 






 

Il gip ha però bocciato la tesi dell’attore involontario, del tutto inconsapevole della fiction in atto. Piuttosto per il magistrato il fatto che il forestale si sia allontanato dal parente, che avrebbe dovuto accudire, verrebbe aggravato “dall’evidente violazione dell’espresso divieto di svolgere, in concomitanza del congedo, qualsiasi altra attività lavorativa”. Di qui la sospensione dal servizio per 3 mesi, più un giudizio disciplinare appena aperto.

“Che schifo, davvero disgustoso”. Una pornostar si avvicina alla famosa chiesa e proprio lì, all’aria aperta e sotto gli occhi dei passanti, inizia a girare un video molto, molto hot

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it