Lutto nello sport italiano. Si è suicidata impiccandosi. La stessa tragica fine della famosa sorella


Simona Viceconte è morta, la donna si è suicidata a casa. Un dramma che non può non lasciare colpiti e amareggiati. Aveva 45 anni, suicida con le stesse modalità della sorella Maura Viceconte, campionessa italiana di maratona, trovata senza vita il 10 febbraio 2019. Madre di due bambini, di origini piemontesi, si sarebbe messa un foulard attorno al collo poi legato alla ringhiera delle scale del palazzo dove abitava, nel quartiere di Colleatterrato, a Teramo dove si era trasferita dalla Valsusa per seguire il marito bancario.

Non ha lasciato nessun biglietto, così come era successo per Maura. A distanza di un anno, l’una dall’altra, le due sorelle hanno scelto dunque la stessa strada. Praticamente un anno fa Maura Viceconte si era impiccata all’albero del giardino di casa a Chiusa di San Michele, in provincia di Torino: aveva 51 anni e aveva superato una lunga battaglia contro il tumore al seno. Aveva un figlio e nella sua carriera, negli anni Novanta, era stata campionessa italiana di maratona conquistando anche la medaglia di bronzo agli Europei di Budapest. (Continua a leggere dopo la foto)







L’atleta aveva partecipato alle Olimpiadi di Sydney nel 2000 ritirandosi quattro anni dopo. Tra due giorni, domenica 16 febbraio, erano stati organizzati due momenti per ricordarla: la festa del cross al parco La Mandria e la messa di suffragio a Chiusa San Michele. L’ultima foto di Maura, pubblicata pochi giorni prima del gesto sul profilo Facebook, la ritrae sorridente col figlio davanti a un bar. (Continua a leggere dopo la foto)






Le altre immagini, oltre a quelle col piccolo Gabriele, sono quelle della sua carriera sportiva (era stata bronzo agli Europei di Budapest nel 1998) e delle presentazioni del documentario sulla sua carriera (“La vita è una Maratona – La corsa il mio modo di vivere”), girato nel 2018 e presentato in molte occasioni in Piemonte fino a poche settimane fa. (Continua a leggere dopo la foto)




 


Maura è ritratta sorridente con i colleghi olimpionici Stefano Baldini e Gelindo Bordin e con tante avversarie, da Laura Fogli e Franca Fiacconi. Ieri la sorella Simona ne ha ripercorso i gesti. A trovarla è stata una vicina che era appena rincasata. La Procura ha disposto un’autopsia per verificare le condizioni di salute e lo stato clinico della donna. Le indagini affidate ai carabinieri.

Ti potrebbe anche interessare: Marco, altro che suicidio. Morto a 17 anni tra atroci sofferenze

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it