”Investito e ucciso mentre era in bici”. Lutto in Italia: la morte del giovane nobile sconvolge l’intero Paese. Aveva solo 21 anni


 

Tragedia nel mondo della nobiltà italiana: è morto a Londra, in un incidente stradale, Filippo Corsini, 21 anni, discendente dei principi Corsini, una delle più antiche famiglie di Firenze. A darne notizia sono fonti vicine alla famiglia. Il giovane, figlio di Duccio e Clotilde Corsini, secondo le prime informazioni, sarebbe stato investito nella tarda mattinata di oggi da un mezzo pesante mentre transitava in bicicletta in una strada della capitale del Regno Unito. Il 21enne viveva con la famiglia a San Casciano Val di Pesa ma in questo periodo era a Londra per motivi di studio. Un incidente terribile che ha sconvolto tutti. Chi sono i Corsini? La  famiglia Corsini  è una nobile famiglia originaria di Firenze. Il più famoso esponente fu papa Clemente XII. Le origini della famiglia vengono in genere indicate con l’arrivo di Neri Corsini a Firenze nella seconda metà del XII secolo, proveniente dal contado di Poggibonsi.

(Continua a leggere dopo la foto)







Famiglia di mercanti, si iniziò ad arricchire, come molte altre famiglie cittadine, con la lavorazione e il commercio della lana e della seta nel Trecento, ai quali si aggiunse un Banco finanziario. Numerose furono le cariche politiche ricoperte nella  Firenze repubblicana. Tommaso di Duccio Corsini  fu un primo esponente di rilievo che si prodigò per procurare ai suoi, figli e a quelli di suo fratello cariche pubbliche ed ecclesiastiche. Si prodigò anche per avviarli all’attività economica. 

 

(Continua a leggere dopo la foto)






I Corsini ebbero rapporti altalenanti con i Medici, ma durante l’epoca del Granducato furono ottimali, tanto che nel Settecento, quando la dinastia medicea stava per estinguersi, arrivarono a proporsi come candidati alla successione.

Leggi anche: Andate in bicicletta o ne avete una in cantina? Brutte notizie: arrivano bollo e assicurazione anche per le due ruote. Ciclisti (ovviamente) in rivolta



 

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it