Scompare per diverse ore e scatta l’allarme ai vigili del fuoco. Quando loro sfondano la porta, davanti agli occhi si trovano una scena da film horror: una ragazza in mezzo a una pozza di sangue e poi, lì vicino, un secchio. Ecco cosa c’era dentro


 

Roxana Micaela Rapasu, 27enne originaria della Romania, e la bimba che portava in grembo sono state rinvenute cadaveri in un garage a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi. Sul posto ci sono i carabinieri che stanno eseguendo accertamenti. A fare la terribile scoperta sono stati i vigili urbani, chiamati dal proprietario del locale che la ventisettenne avrebbe dovuto lasciare in mattinata per la scadenza dell’affitto. La donna non dava notizie di sé da diverse ore e l’uomo ha deciso di chiamare le autorità per rintracciarla. I vigili del fuoco hanno sfondato la porta dell’appartamento della giovane e davanti agli occhi si sono trovati una scena agghiacciante: Roxana era riversa sul pavimento, tra due letti in una pozza di sangue, ormai priva di vita. La bimba appena nata era in un secchio colmo d’acqua posizionato sotto il lavandino, mentre il cordone ombelicale era stato probabilmente reciso con un coltello dalla stessa donna.

(Continua a leggere dopo la foto)







La prima ipotesi è che la bambina sia affogata, mentre la 27enne potrebbe essere morta per una emorragia. Sul posto sono intervenuti Pierpaolo Montinaro e il medico legale Nico Urso. Saranno le autopsie, fissate per mercoledì 2 novembre, a stabilire cosa sia accaduto all’interno dell’appartamento.

(Continua a leggere dopo la foto)

 






I carabinieri stanno interrogando le persone che conoscevano la donna, a partire dal proprietario della casa e i familiari. La donna faceva la badante a una signora anziana, che non era a conoscenza della gravidanza. Le prime persone vicine alla donna ascoltate dagli investigatori hanno spiegato che non sapevano che fosse incinta. Venerdì 28 ottobre, senza preavviso, Roxana Micaela Rapasu ha lasciato la signora per cui lavorava e si è rifugiata nel garage dove fino pochi giorni prima abitava il fratello, tornato nel suo paese. La donna aveva un marito e altri due figli piccoli in Romania.

“Dottore, sento il feto che si muove”. Aveva avuto rapporti completi, ma attenti al particolare: ecco chi lo ha detto (e com’è andata a finire)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it