Travolte sulle strisce pedonali, morta la zia, gravissima la nipote


Dramma nella serata di ieri, due donne sono state investita a Ivrea. Sono zia e nipote, una è morta l’altra è grave in ospedale. La vittima si chiamava Maria Nappo, aveva 73 anni e abitava a Banchette d’Ivrea. La nipote, che ha 39 anni, è ricoverata all’ospedale di Ivrea: la prognosi è riservata. All’ospedale è finita anche la donna che guidava la vettura che ha investito le due donne: sotto shock.
Codice verde: dimessa dopo poche ore.E si è sentita male anche la madre dell’investitrice: colta da un malore.

L’investimento è avvenuto in via Jervis, lungo il rettilineo alle porte di Ivrea, sembra sulle strisce pedonali La dinamica è al vaglio della polizia del commissariato di Ivrea-Banchette. Continua dopo la foto







L’incidente è avvenuto intorno alle 19. La polizia del commissariato di Ivrea sta indagando sulla dinamica. I carabinieri sono intervenuti per aiutare nella gestione del traffico, nel frattempo accumulatosi considerata l’ora di punta. Ieri due giovani fidanzati hanno perso la vita in un incidente stradale avvenuto in località Albiano Magra. Continua dopo la foto






Stavano rientrando da una festa di compleanno. Le vittime si chiamavano Andrea Rapallini e Giorgia Gallo. Il primo, di 21 anni, era residente a Podenzana e guidava l’auto; la sua partner viveva a La Spezia ed aveva 20 anni. La ragazza era seduta sul sedile accanto. Sul mezzo, un’Alfa Romeo Mito, c’erano anche altri tre giovani che erano seduti sui sedili posteriori. Continua dopo la foto



 


Un 19enne originario di Bolano è ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale ‘Cisanello’ di Pisa, dove è stato trasportato grazie all’elisoccorso. Al momento è in prognosi riservata in rianimazione. Gli altri due occupanti, uno di Santo Stefano Magra e l’altro di Bolano, hanno anche loro riportato delle ferite molto gravi.

Ti potrebbe interessare: Sanremo, stravince Diodato con “Fai Rumore”. Un testo profondissimo: ecco il significato

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it