Tragedia sull’alta velocità, treno Frecciarossa deraglia: morti e feriti


È di due morti e diversi feriti, alcuni gravi, il bilancio ancora provvisorio di un incidente ferroviario avvenuto sulla linea Milano-Bologna, all’altezza di Ospitaletto Lodigiano. Una delle due vittime è il macchinista. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco. Sarebbero una trentina i feriti.

Dalle 5.30 di oggi la circolazione sospesa sulla linea Alta velocità Milano – Bologna “per lo svio del treno 9595 Milano-Salerno nei pressi della stazione di Livraga, in provincia di Lodi”. Lo scrive Rfi in una nota. “Le cause sono in corso di accertamento”. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i mezzi di soccorso. Tutti i treni, in entrambe le direzioni, sono stati instradati sulla linea convenzionale Milano-Piacenza con ritardi fino a 60 minuti. (Continua a leggere dopo la foto)







“Lodi, incidente ferroviario, all’altezza di Casalpusterlengo, coinvolto un treno dell’alta velocità. – si legge sull’account Twitter di vigili del fuoco – Squadre #vigilidelfuoco da Milano, Lodi e Piacenza. Segnalati diversi feriti, intervento in corso #6febbraio aggiornamento ore 6:30”. (Continua a leggere dopo la foto)






Al momento le vittime accertate sono i due macchinisti, intorno ai 30 anni. I passeggeri feriti sono invece ventotto. Un operaio delle ferrovie si è rotto il femore. Sul posto diverse ambulanze, auto mediche, vigili del fuoco, carabinieri e polizia. La zona è stata isolata per permettere i soccorsi. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Secondo quanto riportato dal quotidiano online ‘IlPiacenza’ sembra che la motrice del treno sia deragliata staccandosi dal resto del convoglio e andandosi a schiantare contro una cabina elettrica di servizio a margine della ferrovia. Deragliato anche il secondo vagone che si è inclinato su un fianco.

“E bravo il fratello chirurgo plastico di Diletta Leotta!”. Sanremo, dopo il pesante attacco, arriva la dura risposta di Mirko, il fratello della conduttrice

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it