Coronavirus, l’itinerario dei turisti cinesi ricoverati a Roma: ecco le città che hanno visitato


Sono in condizioni “discrete” i due cittadini cinesi risultati positivi al coronavirus e ricoverati all’Istituto malattie infettive Spallanzani di Roma, dove sono in tutto 32 le persone sotto osservazione. La moglie di 65 anni si trova, appunto – hanno reso noto i medici – in condizioni di salute discrete con iniziale interessamento intersiziale. Il marito, 66 anni, è anche lui in discrete condizioni “pur con un interessamento polmonare più pronunciato”.

“Oggi alle 13 la Asl competente di Roma centro ha informato l’albergo concludendo che non si ravvede la necessità di ulteriore iniziative di sanità pubblica”, ha fatto sapere l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato. La cura per loro “prevede reidratazione per via endovenosa, la terapia antibiotica per il paziente maschio e una terapia locale per la congiuntivite della moglie”. (Continua a leggere dopo la foto)









“Da quanto emerso, durante il soggiorno la coppia di pazienti ha limitato gli spostamenti dentro l’hotel e indossato delle mascherine”, ha detto ancora D’Amato aggiungendo che i 20 cinesi in osservazione allo Spallanzani, la comitiva che viaggiava con la coppia, “sono asintomatici e sono in osservazione” in istituto. Ora Adnkronos ripercorre le tappe che la coppia ha fatto prima di arrivare a Roma. I due avevano fatto una tappa a Parma prima di arrivare nella Capitale, circa una settimana fa. (Continua a leggere dopo la foto)






I due turisti sono transitati all’aeroporto internazionale di Milano Malpensa prima che nello scalo scattasse il protocollo di monitoraggio per i passeggeri dei voli dalla Cina, con misurazione a bordo della temperatura. Risulta infatti che la coppia sia sbarcata nel nostro Paese giovedì 23 gennaio, mentre i controlli sono partiti la mattina di domenica 26 gennaio. Controlli che probabilmente non sarebbero comunque serviti a intercettare una sospetta infezione considerato che, da quanto emerso finora, i due viaggiatori avrebbero sviluppato successivamente i sintomi. (Continua a leggere dopo la foto)



 

I due non hanno fatto tappa a Milano ma, spiega il vice capogruppo della Lega Andrea Monti su Telelombardia, “hanno fatto scalo e sono ripartiti immediatamente per Verona”. L’itinerario della coppia, marito e moglie, verrà definito meglio nelle prossime ore, anche nel caso occorressero particolari precauzioni, mentre a Parma è in corso una riunione sul caso con l’Azienda ospedaliera.

Coronavirus, il bilancio in Italia: parla il medico dell’ospedale Spallanzani

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it