Morto a 23 anni l’eroe silenzioso sopravvissuto al sisma di Amatrice. Addio a Emiliano


Si chiamava Emiliano Stecconi, conosciuto da tutti come Memi, il ragazzo 23enne deceduto ieri sera a causa di un improvviso malore. Il giovane era un allevatore ed era uno dei sopravvissuti del terribile terremoto che il 24 agosto del 2016 ha messo in ginocchio Amatrice e i paesi del circondario. Dopo essersi salvato, Memi aveva aiutato i soccorritori nelle opere di salvataggio.

Emiliano si trovava nella sua stalla ad accudire i suoi animali quando ha accusato un malore improvviso. “Sei stato uno dei tanti eroi silenziosi che la mattina del 24 agosto ha messo a rischio la sua vita per aiutare la nostra comunità. Te ne sei andato giovanissimo, senza un perché. Addio Emiliano, eroe di Amatrice”, lo ha ricordato l’ex sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi. (Continua a leggere dopo la foto)








Anche la Croce Rossa di Amatrice ha voluto ricordare Emiliano: “Quando una vita così giovane viene strappata a questa terra, in questo caso per cause naturali, è sempre un dolore immenso che colpisce in primis i familiari e, di conseguenza, un’intera comunità ed essere in Croce Rossa vuol dire appartenere alla propria comunità. Alla famiglia Stecconi va l’abbraccio di tutti noi. Ciao Memi”. (Continua a leggere dopo la foto)






Come ricostruisce il Messaggero, il 23enne, conosciuto da tutti come “Memi”, viveva nella frazione di Santa Giusta, ad Amatrice, insieme ai suoi familiari. Secondo una prima ricostruzione dei Carabinieiri avrebbe avuto un malore mentre accudiva i bovini all’interno della stalla, dove è stato trovato privo di vita dai suoi cari. (Continua a leggere dopo la foto)



 

La morte di Emiliano ha sconvolto l’intera comunità, già segnata dal dramma del sisma. Decine di persone lo hanno ricordato con messaggi di cordoglio su Facebook e le istituzioni si sono strette intorno al dolore di tutta la famiglia. Una morte improvvisa che ha lasciato sgomenta l’intera comunità.

Kobe Bryant, il dolore della moglie Vanessa Laine: il messaggio straziante su Instagram

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it