Sara, la vita finita a 25 anni: morta sul colpo. Per lei non c’è stato niente da fare


Si chiamava Sara Michieli e aveva solo 25 anni. La sua vita è finita domenica scorsa, 12 gennaio 2020, in seguito a un incidente stradale avvenuto verso le 22 a Caltana, nel comune di Santa Maria di Sala (Venezia). Sara, che era di Mestre, guidava una Lancia Y ed è morta sul colpo a causa dell’impatto frontale con un’Alfa Romeo.

Alla guida un giovane di 27 anni di Mirano e due passeggeri: sono rimasti lievemente feriti e trasportati all’ospedale di Dolo. Il conducente è stato sottoposto, come da prassi, ai test dell’alcol. Le cause dello schianto non sono ancora accertate. Sono ancora al vaglio dei carabinieri, intervenuti sul posto insieme al personale sanitario del 118, che hanno già posto sotto sequestro i veicoli. (Continua dopo la foto)









Come detto, la dinamica dell’incidente non è ancora chiara, ma allo scontro frontale potrebbero aver contribuito la scarsa visibilità e il fatto che la carreggiata è piuttosto stretta e potenzialmente pericolosa. In passato in quella stessa via sono avvenuti molti altri incidenti. L’auto che stava guidando Sara si è scontrata frontalmente contro un’altra macchina proveniente dalla direzione opposta, lungo via Caltana, e la giovane è rimasta incastrata nell’abitacolo. (Continua dopo la foto)






Per lei, nonostante l’intervento delle ambulanze e dei vigili del fuoco, non c’è stato niente da fare. Sara Michieli era barista e assieme al fidanzato gestiva il Chiringuito, un locale nel centro di Mestre che si trova proprio dietro a piazza Ferretto e che lunedì, giorno successivo alla tragedia, è rimasto chiuso per lutto. Alcune persone hanno anche lasciato dei fiori all’esterno. (Continua dopo le foto)



 


Come riporta Il Gazzettino, che pubblica anche le foto, poco tempo fa Sara, che era nata il 3 aprile del 1994, aveva perso il papà. Maurizio Michieli, ex lavoratore a Porto Marghera è morto stroncato da un male nel 2018. Era stata dura per lei stargli a fianco e poi dargli l’addio ma era andata avanti. Domenica sera, poi, l’incidente tremendo che le è costato la vita.

Sfrattato da casa, si dà fuoco per protesta. Un altro dramma della disperazione

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it