Mattia, il dramma appena uscito da scuola: investito e ucciso dal treno a 16 anni


Morto a soli 16 anni. Si chiamava Mattia Perini e avrebbe spento 17 candeline a marzo prossimo il ragazzo travolto e ucciso da un treno in transito mentre attraversava i binari alla stazione di Loreto, in provincia di Ancona, nelle Marche. Il dramma si è consumato nel primo pomeriggio di giovedì 9 gennaio, intorno alle ore 14.

Da quanto si è appreso, Mattia era appena uscito da scuola, l’Istituto alberghiero, e aspettava il treno regionale che avrebbe dovuto riportarlo a casa a Civitanova Marche, in provincia di Macerata. Il ragazzo avrebbe attraversato i binari con le cuffiette nelle orecchie senza rendersi contro del sopraggiungere di un convoglio ferroviario a lunga percorrenza, il treno Frecciaargento 8820 Taranto-Milano. La tesi accreditata è quella di una disgrazia. (Continua dopo la foto)









Secondo le testimonianze di altri ragazzi che attendevano il treno sulla banchina, riferisce il preside dell’Istituto alberghiero come riporta Il Messaggero, Mattia avrebbe attraversato i binari con le cuffiette per ascoltare musica, accorgendosi solo all’ultimo del convoglio in arrivo nonostante la sirena azionata dal macchinista. A quel punto avrebbe compiuto un disperato tentativo di ritornare sulla banchina ma senza riuscirci perché il treno lo ha urtato e sbalzato di lato, uccidendolo. (Continua dopo la foto)






Sul posto subito il personale del 118, vigili del fuoco, carabinieri e Polfer. La salma è ancora a disposizione della Procura di Ancona che probabilmente disporrà accertamenti medico legali. I compagni dell’alberghiero Einstein-Nebbia, l’istituto dove Mattia frequentava il terzo anno, sono sotto choc. L’Istituto si sta organizzando per dare supporto psicologico a loro e agli altri studenti presenti al momento del dramma. (Continua dopo foto e post)



 


Mattia era appassionato di calcio: aveva militato nella Academy Civitanovese e adesso era tesserato con la Asd Montecosaro, nella formazione Allievi e nel ruolo di attaccante. “Giocherai sempre con noi, ciao Mattia”, scrive la società. Cordoglio anche dal Comune di Loreto. Esprimo – scrive in una nota il sindaco Paolo Niccoletti – a nome del Comune di Loreto il più forte dolore per la scomparsa di Mattia Perini e vivo cordoglio per la sua famiglia, colpita da questa tragedia, cui siamo molto vicini. Sono corso sul luogo del fatto non appena avvisato ma ora è il tempo proprio del dolore e dei sentimenti più profondi verso Mattia e suoi cari, rinviando altri commenti e giudizi sino a quando le autorità deputate non avranno fatto maggiore chiarezza su quanto accaduto”.

Il collega gli avvelena il panino, lui lo mangia e muore dopo 4 anni di agonia

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it