Mirella muore a 35 anni. La tragedia mentre andava al veglione di Capodanno


Tragedia la vigilia di Capodanno: Mirella, 35 anni, ha perso la vita a seguito di uno spaventoso tamponamento che non le ha lasciato scampo. Come riporta Il Messaggero, l’incidente è avvenuto intorno alle 20,15 del 31 dicembre a Buttrio, in provincia di Udine. Mirella Candussio, questo il nome completo della vittima, era originaria di Palmanova ma abitava a Buttrio e la sera di Capodanno avrebbe dovuta trascorrerla con parenti e amici al veglione.

Si stava recando alla cena con un’amica, anche lei 35enne, quando è avvenuto il dramma. Mirella era a bordo della Fiat Panda condotta dalla sua amica quando sulla strada regionale 56, in prossimità dello stabilimento della Danieli, sono state tamponate da una Audi A6 alla cui guida c’era un uomo, un 62enne della zona. (Continua dopo la foto)








Un tamponamento impressionante: le due donne, si legge ancora su Il Messaggero, sono rimaste incastrate nell’abitacolo della loro auto, completamente deformato dopo lo schianto. Subito sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con i carabinieri e il personale sanitario del 118 con l’ambulanza e l’elicottero che ha provveduto a trasferire tutti al Santa Maria della Misericordia di Udine. (Continua dopo la foto)






Ma nel tragitto verso l’ospedale, Mirella Candussio, che sedeva sul lato passeggero della Fiat Panda, non ce l’ha fatta. L’amica è stata ricoverata in gravi condizioni, mentre l’uomo alla guida dell’Audi, assistito perché sotto choc dopo il tremendo incidente, è stato poi indagato per omicidio stradale. La dinamica dell’incidente, tuttavia, è ancora da chiarire. (Continua dopo le foto)



 


Mirella Candussio, 35 anni, era originaria di Palmanova ma viveva a Buttrio. Aveva appena trovato lavoro al Museo archeologico di Cividale, scrive ancora il quotidiano che pubblica anche le foto. La 35enne lascia la mamma, una sorella e due nipotini a cui era molto legata.

Cucina italiana in lutto: morto il grande chef Vittorio Fusari. Era un maestro di vita

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it