Auto contro un albero. L’auto si spezza in due: 45 muore, ferito l’amico


Incidente mortale domenica poco dopo le 11 in via Tito Speri a Scorzè. Due persone sono rimaste coinvolte in una fuoriuscita autonoma – l’auto è finita prima in un canale di scolo e poi contro un albero – e il passeggero ha perso la vita. La vittima è un uomo di 45 anni di Martellago, Inglis Libralesso. Ferito gravemente il conducente, 34 anni, veneziano.

Inglis era un appassionato di motori e molto noto in quell’ambito anche per la sua attività professionale della 4S Racing Srl, ricambi ed accessori per auto tuning, con sede proprio in via Tito Speri 4 a Scorzè dove è avvenuto l’incidente mortale. I due viaggiavano a bordo di una Golf Gti che, nell’impatto con un albero, si è spezzata in due. La squadra dei pompieri ha messo in sicurezza la Volkswagen spezzata a metà ed estratto i due uomini. Inglis Libralesso è morto sul colpo. (Continua a leggere dopo la foto)









Come già accaduto per le statistiche sulla criminalità, anche i dati sugli incidenti stradali raccontano una verità diversa dalle apparenze: nel 2019 infatti la mortalità è in calo. Certo, le vittime della strada sono ancora troppe. Ma il trend non è in crescita. È questo il dato che emerge dai numeri appena diffusi sull’incidentalità rilevata da Polizia Stradale e Carabinieri. Si tratta di un dato che non copre tutti gli incidenti che accadono in Italia. La statistica definitiva dell’Istat — che arriverà nei prossimi mesi — comprende anche i numeri rilevati dalle polizie municipali. Ma normalmente conferma la tendenza espressa dalle rilevazioni delle forze dell’ordine. (Continua a leggere dopo la foto)






Eppure nel Paese si sta diffondendo una specie di “panico da incidente stradale”. E la percezione che morti e feriti su strada siano in clamoroso aumento. Gli ultimi tragici e clamorosi eventi di cronaca hanno di certo sconvolto gran parte dell’opinione pubblica. Però secondo i dati di Polizia Stradale e Carabinieri il numero complessivo degli incidenti (70.801) è in lieve diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2018 (-1,3%), mentre i sinistri con esito mortale (1.430) sono pressoché invariati (8 meno dello scorso anno, — 0,6%). (Continua a leggere dopo la foto)



 

Ma, quello che conta, è che si riduce del 2,9% il numero delle vittime (ossia 1.566, meno 46). Allo stesso tempo sono in diminuzione le cosiddette “stragi del sabato sera”. Le forze dell’ordine hanno rilevato 148 incidenti mortali che hanno lasciato sull’asfalto 178 vittime, ossia 11 in meno dello scorso anno. Come dicevamo manca “l’altra metà del cielo”, i numeri delle Polizie Municipali, ma il calo è significativo, grazie anche alla forte attività di controllo e prevenzione.

Brutto incidente per Luciana Littizzetto, le foto dall’ospedale. Cosa è successo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it