Saldi invernali 2020, quando cominciano. Le date regione per regione


Finiti i regali natalizi, adesso viene il tempo di pensare anche a se stessi e non perdere le occasioni che ci faranno compagnia per i prossimi mesi invernali. Iniziano i saldi 2020 e in rete è stato pubblicato il calendario e non solo, anche alcuni consigli utili per evitare le file chilometriche. Le prime regioni a partire saranno Valle dʼAosta, Sicilia e Basilicata seguite poi da tutte le altre, con le promozioni che inizierano il 4 gennaio, nel weekend pre-Epifania. La durata del periodo dei saldi è stato deciso regione per regione e in molti casi arriverà fino a marzo.

Secondo il calendario comunicato da Confesercenti, ecco le date ufficiali: Abruzzo – Dal 4 gennaio al 3 marzo Basilicata – Dal 2 gennaio al 2 marzo Calabria – Dal 4 gennaio al 3 marzo Campania – Dal 4 gennaio al 3 marzo Emilia Romagna – Dal 4 gennaio (durata 60 giorni) Lazio – Dal 4 gennaio al 15 febbraio Liguria – Dal 4 gennaio al 17 febbraio Lombardia – Dal 4 gennaio (durata massima 60 giorni) Marche – Dal 4 gennaio al primo marzo Molise – Dal 4 gennaio (durata 60 giorni) Piemonte – Dal 4 gennaio (durata 60 giorni)
Puglia – Dal 4 gennaio al 3 marzo Toscana – Dal 4 gennaio al 3 marzo Umbria – Dal 4 gennaio (durata massima 60 giorni) Veneto – Dal 4 gennaio al 28 febbraio Friuli Venezia Giulia – Dal 4 gennaio Sardegna – Dal 4 gennaio (durata massima 60 giorni) Sicilia – Dal 2 gennaio al 15 marzo Valle d’Aosta – Dal 2 gennaio (durata massima 60 giorni) Provincia di Trento – Tutto l’anno previa comunicazione alla Camera di Commercio Provincia di Bolzano – Calendario diverso distretto per distretto. Continua dopo la foto.









Inoltre Confcommercio ricorda alcune precauzioni da tenere presenti durante gli acquisti di fine stagione. La possibilità di cambiare la merce è in genere a discrezione del negoziante. Se però il prodotto acquistato è danneggiato scatta l’obbligo per il commerciante di riparare o sostituire il capo oppure, se impossibilitato a farlo, di ridurre il prezzo pagato o di restituire i soldi. L’acquirente deve segnalare il difetto entro due mesi dalla data della scoperta. Anche la possibilità di provarsi gli abiti è lasciata alla scelta del negoziante. Continua dopo la foto.






Ma badate bene: i capi messi in vendita in periodo di saldo, devono avere carattere stagionale o di moda. I commercianti possono offrire anche abiti non appartenenti alla stagione e in ogni caso è obbligato a indicare il prezzo iniziale del prodotto, lo sconto e il prezzo finale. Se non si amanti dello shopping on the road, i saldi invernali 2020 sono già partiti su molti siti online: Netaporter , Zalando, e Mytheresa offrono già sconti e promozioni vantaggiose. Continua dopo la foto.



Selezionare accuratamente i pezzi potrebbe comunque risultare un ottimo accorgimento da seguire, provando ad acquistare anche capi che possano risultare utili per la primavera. Su quali capi orientarsi quindi? Semplice: su alcuni passe-partout versatili e chic che dovremmo sempre avere a disposizione nel guardaroba. Da mixare, volta per volta, con le tendenze di stagione. Qualche esempio? Il classico e intramontabile cappotto cammello, la maglia a righe in perfetto stile navy, la camicia in denim da indossare con tutto, la mini di pelle stilosa e il blazer di velluto dal fascino vintage. Solo per citarne alcuni.

“Succede nel 2020, ecco chi è in pericolo. Un tumore per lui”. Le profezie choc di Baba Vanga

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it