Roma, giovane donna trovata morta nel bagno della metropolitana


Siamo a Roma, è qui che il cadavere di una donna è stato trovato nei bagni della metropolitana Flaminio, linea A. La vittima, secondo quando si apprendere sarebbe un militare dell’Esercito, ferita mortalmente da un colpo di pistola. A dare la notizia è l’Atac, che ha informato i passeggeri di “un intervento delle forze dell’ordine in corso”. L’ipotesi maggiormente accreditata al momento è che si tratti di un suicidio. C’è da dire poi che i treni al momento transitano senza fermarsi lungo la tratta che collega i capolinea Battistini e Anagnina.

L’azienda che gestisce il servizio di trasporto pubblico in città ha chiesto ai passeggeri momentaneamente di “utilizzare stazioni Spagna o Lepanto”. Inevitabili i disagi per i cittadini che si spostano nella Capitale utilizzando la metropolitana, specialmente per raggiungere una fermata come quella di Flaminio, nei pressi di Piazza del Popolo e Villa Borghese e che permette di arrivare in pochi minuti non solo in ufficio ma anche nelle vie dello shopping nel centro storico. Continua a leggere dopo la foto








Una delle fermate più gettonate da romani e turisti. Il cadavere è stato rinvenuto all’interno dei bagni della stazione. La soldatessa, di cui non sono ancora state rese note le generalità, avrebbe utilizzato l’arma di servizio per togliersi la vita. Inutili i soccorsi, per la donna già morta, non c’è stato nulla da fare se non constatarne il decesso. Continua a leggere dopo la foto






Presenti i militari dell’Esercito, i carabinieri, la Polizia di Stato e gli agenti della Polizia locale di Roma Capitale, Gruppo Parioli, al lavoro per svolgere i rilievi scientifici e gli accertamenti di rito. C’è da dire che mai come in questo periodo la metropolitana di Roma sia ridotta male e il ministero chiama in soccorso l’azienda dei trasporti di Milano e quella di Torino. Continua a leggere dopo la foto



 


La comunicazione ufficiale è arrivata ieri ai dirigenti delle di Atm e di Gtt, le due grandi aziende municipalizzate del Nord perché si mettano a un tavolo di lavoro con i vertici di Atac, la società romana per “valutare eventuali misure compensative eccezionali, a integrazione delle misure compensative ordinarie già attuate dall’azienda Atac”, come si legge nella lettera arrivata ad Atm.

Ti potrebbe anche interessare: Frontale violentissimo tra una Punto e una 600: muore una donna, grave il marito

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it