Terremoto in Campania: raffica di scosse. Paura tra la popolazione, scuole ed edifici evacuati


È accaduto nelle ultime ore, intorno alle 9, un evento tellurico ha interessato la regione Campania, più precisamente la provincia di Benevento.  Le segnalazioni da parte dei cittadini sono state molte e secondo diverse fasce orarie, prima che l’evento esplicasse tutta la sua forza. I cittadini, anche del capoluogo irpino, hanno riportato sui social di aver avvertito distintamente il terremoto, localizzato a Benevento dagli esperti. Le valutazioni dell’Ingv parlano di un doppio evento sismico.

Le valutazioni dell’Ingv confermano alle 9.06 e alle 9.08 per la precisione, due scosse di terremoto nel Sannio. La magnitudo è stata nel primo caso di magnitudo 3,4 e nel secondo di 3,2 della scala Richter. L’epicentro è stato individuato nel comune di San Leucio del Sannio in entrambi i casi. Ma sono molti i comuni irpini interessati tra cui Roccabascerana, Petruro, Altavilla Irpina, Torrioni, Rotondi, Grottolella, Santa Paolina, Montefusco, Capriglia Irpina, Summonte, Ospedaletto, Pratola Serra, Mugnano, Baiano, Avella e altri, oltre a quelli sanniti. Non si hanno ancora notizie su eventuali danni a cose o persone. Continua dopo la foto.






Il Sannio trema ancora. Due le scosse di terremoto avvertite intorno alle 9 nel Sannio. Paura a Ceppaloni e paesi limitrofi. Dall’Ingv si stima che il movimento tellurico possa aver avuto una magnitudo dai 3.1 ai 3.6, ancora più forte la seconda scossa stimata tra i 3,2 e 3,7. Dopo le scosse è scattata l’evacuazione di alcuni istituti scolastici ed edifici pubblici. La sirena dell’Istituto Industriale di viale San Lorenzo a Benevento ha suonato per lunghi minuti per invitare studenti e docenti ad abbandonare le aule. tante le persone che sono scese dagli Uffici Tribunale. Continua dopo la foto.






Dagli ultimi aggiornamenti si apprende che altre due scosse, una di magnitudo compresa tra 3.2 e 3.7 e una compresa tra 3 e 3.5 sono state registrate e avvertite nel Sannio: si sono verificate alle 9.53 e alle 9.52. Dopo le due scosse di terremoto registrate poco fa, il sindaco Clemente Mastella, d’intesa con il prefetto Cappetta e con la Protezione Civile, ha disposto l’immediata chiusura delle scuole e degli edifici pubblici ad eccezione dei servizi e delle strutture emergenziali necessarie per la gestione degli interventi. Alle 10:15 è prevista la riunione del Centro Operativo Comunale presso il Comando della Polizia Municipale. Continua dopo la foto.



Intanto anche in provincia è stata indetta l’evacuazione di numerosi istituti scolastici. Numerosi studenti si sono radunati nei luoghi sicuri indicati dai piani di evacuazione. Le scosse sono state avvertite distintamente in decine di Comuni. Dall’Ingv, intanto, hanno fatto sapere che le scosse sono state registrate con epicentro a San Leucio del Sannio e sono state di intensità 3.2 e 3,4, rispettivamente alle 9.06 e alle 9,08. Numerose le telefonate al 115 da parte di istituti scolastici e privati cittadini . Nelle prossime ore si valuterà la presenza di danni agli edifici.

34 anni, incinta, Maria muore davanti ai figli. Il grande cuore: “Asilo gratis per i piccoli”

Tags:

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it