Inferno in autostrada: cisterna sbanda e travolge un altro mezzo ed esplode


Uno schianto sordo, poi le fiamme si sono propagate invadendo un tratto di A4, tra i caselli di Padova Est e Ovest. Due in mezzi coinvolti, un’autocisterna e un autocarro della manutenzione stradale. Per l’uomo alla guida dell’autocisterna non c’è stato niente da fare, è morto intrappolato nell’abitacolo della sua vettura. Un ferito tra gli operai al lavoro sul tratto di autostrada. Sulla dinamica dell’incidente sta indagando la polizia.

Tutto è successo un quarto d’ora dopo la mezzanotte. L’autocisterna slovena stava procedendo sulla A4 in direzione Milano quando per cause di accertamento da parte della polizia stradale ha prima urtato un carrello di segnalazione lavori e poi un camion di alcuni operai che stavano effettuando dei lavori lungo l’autostrada per poi incendiarsi. I vigili del fuoco arrivati da Padova, Vicenza e Venezia con 8 squadre e 22 operatori coordinati dal funzionario di guardia sono riusciti a spegnere le fiamme dell’autocisterna che trasportava gasolio. Continua dopo la foto






Spento l’incendio si è rinvenuto il corpo carbonizzato dell’autista. Dei sette operai autostradali presenti, ferito solo l’autista dell’altro autocarro. L’uomo è stato preso in cura dal personale del suem 118 e portato in ospedale. Nelle operazioni di soccorso è rimasto ferito ad un braccio anche un vigile del fuoco, scivolato per terra a causa del manto stradale reso scivoloso dal gasolio, pure lui è stato portato in ospedale per altri accertamenti. Continua dopo la foto






Sul posto la polizia stradale e il personale di autostrada. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono terminate dopo circa 4 ore. Una mappa impietosa, quella delle strada italiane, che racconta come 76 incidenti su 100 avvengono su strade urbane, 18 sulle extraurbane, 6 in autostrada. Con un trend che preoccupa perché in autostrada è stabile il numero di incidenti ma aumenta il numero di morti mentre sulle strade extraurbane aumentano gli incidenti ma rimane sostanzialmente stabile il numero di morti (+4% e -0,7%), nei centri abitati diminuiscono sia incidenti che morti (-2,7% e -4,2%), soprattutto nei piccoli centri attraversati da strade extraurbane. Continua dopo la foto



 


Ma l’analisi spiega anche che in autostrada i veicoli per il trasporto delle merci – autocarro (anche leggero), autotreno o autoarticolato – sono coinvolti nel 31% degli incidenti e che il giorno nero è il venerdì quando si verificano più incidenti (il 15,4%). Dalle 18 alle 20 le ore più critiche. E giugno e luglio i mesi con la maggiore incidentalità (rispettivamente il 9,9% e 10,4% del totale).

Ti potrebbe interessare: Incidente in diretta a Live Non è la D’urso: succede alla padrona di casa davanti a tutti. “Sopravvivo a tutto”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it