Intossicati in albergo, 30 finiscono in ospedale: succede in Italia


Una cena che ha messo 30 ospiti ko. È successo in un albergo in Val Ridanna, in Alto Adige, dove si sono registrati almeno 30 casi di sospetta intossicazione. È scattato il protocollo di emergenza sanitaria. L’hotel sotto accusa si trova in Val Ridanna, laterale della Val d’Isarco, in Alto Adige. Come ha appreso l’AGI da fonti dei soccorritori giunti anche da Bolzano con una serie di mezzi dei vigili del fuoco del corpo permanente ed alcune ambulanze, nessuna persona coinvolta si troverebbe in pericolo di vita.

In serata alcuni ospiti della struttura hanno accusato sintomi gastrici. Nell’arco di pochi minuti gli stessi disturbi, dissenteria, è stata accusata anche da altri clienti. Immediatamente è scattato il protocollo sanitario per l’intossicazione e le persone colte da malessere sono attualmente visitate in hotel. Nessun pericolo di vita, ma comunque il caso rimane grave. Scatta l’urgenza di intervento e di ispezione. Continua dopo la foto.







Nessuna persona in pericolo di vita ma l’intossicazione probabilmente alimentare (forse un virus), ha colpito una trentina di persone: situazione abbastanza critica. Le persone intossicate vengono trattate da una imponente macchina di soccorso allestita per l’emergenza presso la locale sala delle associazioni. Lungo l’autostrada del Brennero, i soccorsi sono arrivati anche da Bolzano. Dal capoluogo altoatesino si è mobilitato il corpo permanente dei vigili del fuoco con diversi mezzi e sono partite alcune ambulanze. Continua dopo la foto.






L’allarme è scattato attorno alle ore 19. Gli ospiti dell’Hotel Schneeberg, sia durante che dopo la cena, hanno accusato un fortissimo malessere intestinale di natura gastrica. Poco tempo per comprendere che si stesse trattando una una forma virale di intossicazione. Dissenteria e panico, l’hotel famoso della zona del Vipiteno viene messo sotto accusa. E non può che rivelarsi una perdita molto forte, per tutte quelle strutture e aree attrezzate che vivono di turismo stagionale. Continua dopo la foto.



Sarà il caso, per alberghi e altre mete di attrazione turistica invernale, intensificare i controlli, prestando maggiore attenzione ai servizi offerti. Molte mete turistiche vivono esattamente dei considerevoli guadagni, che riescono a realizzare proprio durante i periodi festivi. Qualsiasi distrazione o noncuranza potrebbe rivelarsi distruttiva, sia per il flusso turistico, che per l’economia, quindi sempre meglio prevenire che curare.

Schianto nella notte, padre e figlio morti sul colpo: l’auto si è disintegrata

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it