“Ricercato. È affetto da disturbi psicotici”. Il giovane era stato scarcerato e doveva presentarsi in comunità psichiatrica. Ma di lui si sono perse le tracce. Chiamate questo numero se lo vedete


 

S’è persa ogni traccia di Nicolas Aitor Olrando Lecumberri. Si tratta del dj 23enne spagnolo, arrestato lo scorso 27 luglio per aver preso a pugni diversi passanti, seminando il panico per le strade di Milano. Lecumberri è stato scarcerato ieri pomeriggio e si sarebbe dovuto presentare in una comunità psichiatrica di Varazze, in Liguria, ma di lui non si sa più niente. È scomparso da Milano dalle ore 16 in poi, in zona Viale Papiniano e la famiglia chiede a chiunque lo veda di avvisarla. La sua storia incredibile aveva tenuto banco sulle pagine dei giornali.

Il ragazzo è fuggito e di lui non si hanno notizie circa la direzione che ha preso né con quali mezzi si stia muovendo. L’unica certezza è che necessita di terapia farmacologica psichiatrica costante.
(Continua a leggere dopo la foto)







 


Come è scomparso? “Il gip di Milano, Livio Cristofano – spiegano gli avvocati Alessia Generoso e Francesco Brignola – non ha disposto alcun servizio di scorta dal carcere al luogo degli arresti domiciliari. In più l’ordinanza di sostituzione della misura di custodia cautelare in carcere con gli arresti domiciliari presso la comunità terapeutica di Varazze non è stata comunicata né ai legali, né alla struttura e nemmeno alla famiglia”.
(Continua a leggere dopo la foto)




Il giovane, prima di arrivare in Italia era in terapia psichiatrica, in quanto affetto da disturbi psicotici. È sempre stato in cura anche durante la detenzione. La famiglia del giovane dunque invita chiunque abbia notizie di fornire informazioni al consolato spagnolo di Milano oppure ai legali Avv. Francesco Brignola (010.8575701) e Avv. Alessia Generoso (02.70125552).
(Continua a leggere dopo la foto)


Al momento della scomparsa indossava una maglietta grigia con una scritta e un paio di pantaloni a mezzo polpaccio blu. Portava uno zainetto piccolo nero a tracolla e una valigia trolley blu.
Caffeina news by AdnKronos
(www.adnkronos.com)

Ti potrebbe interessare anche: “In preda a un delirio inspiegabile”. La storia di questo ragazzo è allucinante: chiedeva informazioni per strada e quello che faceva ai malcapitati era terribile. Follia pura!

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it