“Si riapre tutto!”. Yara, l’avvocato di Massimo Bossetti non ha dubbi


Un’intervista esclusiva a Libero che qui sotto riportiamo. Parla l’avvocato di Massimo Bossetti, l’uomo condannato in via definitiva all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio. Nonostante la Corte di Cassazione abbia sancito la fine dell’iter processuale pare che qualche nuovo scenario si possa aprire. È di qualche giorno fa la notizia che la Corte D’Assise di Bergamo abbia autorizzato i legali di Bossetti a esaminare tutti i reperti d’ indagine e tutte le tracce di Dna.

Avvocato Salvagni, hanno detto che ci sono nuovi legali a seguire Massimo Bossetti in questa istanza di revisione del processo. «Assolutamente no», e mostra l’atto con cui Bossetti riconferma la nomina per questa ulteriore azione legale al team composto oltre che da lui anche dall’avvocato Camporini, più dieci consulenti coordinati dal dottor Bianco. «Oggi sono stato in carcere da Massimo e ci ha riconfermato la fiducia per portare avanti questa decisiva istanza». Continua dopo la foto







Si era fatto una idea sulla sua posizione prima di incontrarlo? «Non sono abituato, forse per deformazione professionale, a costruirmi giudizi prima di leggere le carte. Così dissi alla famiglia di Bossetti che prima di accettare l’offerta di difenderlo avevo almeno bisogno di incontrarlo anche se, non nascondo, ero rimasto molto colpito dalle notizie riguardanti il caso di Yara Gambirasio; così accettai con riserva l’incarico». Continua dopo la foto






Perché?
«Piangeva ed era un uomo disperato. Mi giurò che mai aveva visto o incontrato Yara e che nulla le aveva fatto. Era stato messo in isolamento e gli avevano detto che suo padre naturale non era Giovanni Bossetti, colui che lo crebbe, ma Guerinoni. Inoltre era disperato per i tradimenti che gli inquirenti, senza alcun motivo processuale, gli rivelarono riguardo alla moglie Marita. Era un uomo che mi chiedeva aiuto e che non riusciva a capire cosa potesse accadergli». Continua dopo la foto



 


«Mi fidai del mio istinto e sono convinto ancora adesso di aver fatto bene supportato dalle carte processuali. Non esiste alcun altro segno riconducibile geneticamente a Bossetti se non quello sulle mutandine. Un assassino tocca la vittima sul giubbotto, sul corpo, ovunque. Ebbene, nessuna traccia di Bossetti. C’erano altre 11 tracce di Dna. Soltanto una riconducibile a una persona nota, l’insegnante di ginnastica Silvia Brena (sangue o saliva), e poi altre denominate “uomo 1” e “donna 1”, e alcuni ritrovamenti piliferi». Cosa vuole dire? «Che non conoscendo Yara l’omicida avrebbe dovuto caricarla in auto con la forza senza farsi vedere da nessuno e senza mai toccarla. Le sembra possibile e realistico? Inoltre nella famosa traccia 31g20 non c’è il mitocondriale di Bossetti, e oltre ad esistere nella stessa traccia anche una parte di Dna di Yara esiste un’altro incognito che non è né Yara né Bossetti».

Ti potrebbe interessare: Elisabetta Canalis, la critica è pesante: “Devi solo ringraziare tuo marito”. E la sua risposta è da applausi

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it