Omicidio Isabella Noventa, Freddy Sorgato di nuovo in tribunale: ora è così, irriconoscibile


Dopo la condanna in primo e secondo grado a 30 anni di reclusione per l’omicidio di Isabella Noventa, avvenuto nella notte a cavallo tra il 16 e 17 gennaio 2016, Freddy e Debora Sorgato di nuovo in tribunale. Come riporta il Corriere della Sera, dopo quello di riciclaggio per i 124mila euro in contanti trovati per caso in una borsa a casa di lei, il nuovo reato è quello di detenzione illegittima di armi intestate Freddy e illecitamente detenute.

Nel dettaglio una Beretta calibro 7,65 e 14 proiettili, una pistola Astra calibro 9 per 19, e centinaia di cartucce. Le aveva trovate il maresciallo Giuseppe Verde, ex fidanzato di Debora, qualche settimana dopo gli arresti nel 2016 e aveva avvisato subito polizia e carabinieri. E così, dopo la condanna a 30 anni in primo e secondo grado (16 anni invece per la complice Manuela Cacco), Freddy e Debora tornano protagonisti. (Continua dopo la foto)








I fratelli Sorgato, che per l’assassinio di Isabella Noventa, si sono sempre professati innocenti per sono tornati in tribunale, a Padova, per rispondere davanti al giudice per le udienze preliminari per l’accusa, appunto, di detenzione illegale di armi comuni da sparo. In aula sono arrivati in due momenti diversi, prima lei e poi lui, e si sono rivolti un saluto (gli imputati non si possono parlare ndr), scrive sempre il Corriere. (Continua dopo la foto)






L’udienza si è svolta a porte chiuse, ma i fotografi presenti sono riusciti a immortalare l’arrivo dei due fratelli in tribunale. Debora si è voltata con la testa dall’altra parte per non essere ripresa, mostrando i capelli rossi e lunghi; Freddy invece è apparso irriconoscibile negli scatti diffusi dal Corriere del Veneto e da Il Gazzettino. (Continua dopo le foto)



 


Freddy Sorgato ora è più magro, stempiato e con i capelli lunghi legati sulla nuca con un codino e palesemente provato dalla detenzione. Il Corriere scrive ancora che per le armi la sorella Debora ha chiesto il patteggiamento a un anno, mentre lui probabilmente andrà a giudizio. Il Gup deciderà il prossimo 20 dicembre.

Coca Cola, rivoluzione! Dimenticate queste lattine: dal 2020 saranno così

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it