Incidente sull’autostrada: scontro tra pullman, tir e auto: un morto


Grave incidente stradale sull’autostrada A1 in direzione Sud, nei pressi di Tivoli, oggi 21 novembre. È successo intorno alle 14:30 all’altezza dell’area di servizio Prenestina (al chilometro 5,64). Nello scontro tra un pullman, un tir e un auto è morto un uomo.   L’autostrada in direzione Napoli è rimasta chiusa per consentire i soccorsi e la pulizia della carreggiata.

In particolare i tre mezzi si sono scontrati per cause di accertamento mentre viaggiavano in direzione sud, all’altezza dell’area di servizio Prenestina (km 5,64). Allertati i soccorritori sul posto in pochissimi minuti sono intervenute tre squadre dei vigili del fuoco del Comando Provinciale di Roma con il supporto dell’autogru e del carro fiamma. Sul posto è intervenuto anche l’elisoccorso che ha trasportato una persona gravemente ferita in ospedale.(Continua a leggere dopo la foto)







Un’altra persona è rimasta ferita nello scontro: non si conoscono ancora le sue attuali condizioni, ma è stata trasportata con l’eliambulanza in ospedale. Sul posto, oltre ai Vigili del Fuoco, gli agenti della Polizia Stradale per effettuare i rilievi del caso e stabilire eventuali responsabilità nel sinistro. (Continua a leggere dopo la foto)






Il traffico sull’A1 è rimasto bloccato per alcune ore, con centinaia di automobilisti imbottigliati in una coda di diversi chilometri. Come detto, infatti, si è reso necessario chiudere temporaneamente il tratto di autostrada compreso fra il Bivio A1/A24 Roma-Teramo e Bivio A1 e la Diramazione Roma sud. Nel tardo pomeriggio la circolazione è stata ripristinata regolarmente. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Non sono buoni gli ultimi numeri sugli incidenti stradali in Italia. Dopo un anno di incoraggiante calo le cifre relative ai primi mesi del 2019 parlano di un +7% di vittime da sinistri stradali. Continuando di questo passo sembra purtroppo allontanarsi l’ambizioso obiettivo del piano UE secondo cui l’Italia sarebbe dovuta scendere nel 2020 a ‘soli’ 2000 morti, visto che le stime proiettano la cifra finale di quest’anno a circa 3.500.

 

 

 

Guendalina Canessa mette tutto in mostra. La foto scatena l’inferno: “Che panorama!”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it