Incidente choc. La mamma e il suo bimbo di un anno mezzo stavano passeggiando in tutta tranquillità quando hanno visto correre verso di loro due cani feroci. Lei ha tentato di fermarli facendo scudo con il proprio corpo ma non è servito


 

Azzannato al volto, al torace e al collo. Per il bimbo di appena un anno e mezzo non c’è stato scampo. È morto così, sbranato da due cani – due dogo argentini – a Mascalucia, nel Catanese, in via Del Bosco. La madre ha tentato di fermare i cani facendo scudo con il proprio corpo, ma è rimasta ferita mentre il figlio giaceva senza vita dopo l’aggressione. Secondo una prima ricostruzione della polizia municipale di Mascalucia, che ha sequestrato la villa e affidato i cani ai veterinari dell’Asp, il piccolo stava giocando intorno a mezzogiorno con la mamma in una piccola piscina gonfiabile sul prato della villetta.

Improvvisamente gli animali, di razza Dogo Argentino, si sono avventati contro di lui e lo hanno azzannato alla testa e al collo senza lasciargli scampo, dopo avergli reciso la giugulare.

(Continua a leggere dopo la foto)







 

La tragedia è avvenuta all’interno della villetta familiare. A nulla è valso il trasporto del bimbo con l’elisoccorso in ospedale. Il vicesindaco di Mascalucia, Fabio Cantarella, ha predisposto l’immediato sequestrato dei due cani.

 

”È un giorno tragico oggi per Mascalucia – ha scritto il vicesindaco Cantarella – vi invito a pregare per il piccolo di poco più di un anno che non ce l’ha fatta e per la madre ferita nel tentativo di strapparlo ai loro cani inferociti”.

(Continua a leggere dopo la foto)




La tragedia è avvenuta all’interno della villetta familiare. ”Lasciate che vi confidi solo una cosa: con tutta la fede che posso immaginare non riesco ad accettare che un bambino indifeso muoia così. O forse è la mia fede che non è abbastanza forte per comprendere”. La Procura etnea ha aperto un’inchiesta affidata al sostituto procuratore Fabrizio Aliotta.

“I cani sono bestie sataniche, uccidiamoli tutti così”: la pagina Facebook della vergogna

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it