“Dov’è Giulia?”. Alberto Antonello si sveglia dal coma, nessuno ha avuto il coraggio di dirgli che la fidanzata è morta


Alberto Antonello si è svegliato, il 18enne rimasto coinvolto in un terribile incidente stradale in cui è morta la sua fidanzata è uscito dal coma. La notizia è trapelata nelle ore scorse. Per Alberto Antonello un ritorno alla vita drammatico, tanto che sembra sia stato necessario sedarlo. Alberto Antonello ha immediatamente urlato il nome della compagna, non sapendo che la stessa fosse morta ormai da giorni. E domani si terranno i funerali della 18enne originaria di Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso. L’ultimo saluto nei confronti della giovane è stato programmato per la mattinata di mercoledì, ore 10:30, presso il duomo del paese.

A celebrare le esequie, come riferisce Oggi Treviso, sarà don Franco De Marchi, il prete di San Floriano che è la frazione dove vive la mamma di Giulia. Una scomparsa che ha spezzato la vita di due famiglie, a cominciare da quella della Zandarin, figlia di un noto commercialista della zona, arrivando fino alla famiglia Antonello, visto che Alberto e Giulia convivevano da qualche mese, e la giovane era come una figlia per Franco Antonello, il padre del ragazzo in coma. Continua dopo la foto









Sulla tragedia era intervenuto anche Franco. “Come si può definire delinquente un ragazzo di 19 anni per una canna? Come si può dimenticare tutto ciò che di buono ha fatto fino a questo momento per un errore, per un colpo di sonno?”. Lo aveva detto in un’intervista a ‘Il Mattino di Padova’. “Non si può distruggere un ragazzo per una canna – sottolinea Franco Antonello – Venerdì ci eravamo abbracciati e mi aveva detto: tranquillo, papà, vado piano”. Continua dopo la foto






“Pensate forse che la morte non sia una punizione sufficiente anche per noi? Giulia era un membro della nostra famiglia – spiega – Abitava con Alberto da qualche mese, erano lì a pochi metri da casa mia. Non ci posso credere, non mi do pace”. Alberto è “la rivincita della mia vita”, racconta, “qualche problema c’è stato in passato, gli adolescenti sono ribelli. Da qualche anno però le cose erano cambiate. Lui si è preso sulle spalle la nostra attività, lavorava da mattina a sera. E anche con il fratello Andrea il rapporto è molto diverso rispetto a prima”. Continua dopo la foto




 


“Alberto ha sempre sofferto la diversità di suo fratello – aggiunge il papà del 19enne – Si vergognava. Ora però è cambiato tutto. Vanno via insieme, certe notti dormono insieme. Il mio cuore si riempie di soddisfazione e amore, nel vederli finalmente uniti come due fratelli dovrebbero essere”.

Ti potrebbe anche interessare: La pupa e il secchione, spunta il nome di una concorrente. Ma è polemica: “È una vergogna!”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it