“C’è una bomba!”. Panico e paura all’Ikea. Allarme terrorismo proprio in uno dei luoghi più frequentati. Cosa è successo


 

Allarme bomba ieri pomeriggio all’Ikea per un’auto ‘sospetta’all’interno del parcheggio sotterraneo del centro commerciale, affollatissimo. Attorno alle 14 i carabinieri di Camerano, provincia di Ancona, sono interenuti in via Terme dell’Aspio, dopo una chiamata di un addetto alla sicurezza che segnalava una Toyota Rav 4 – con targa straniera – al cui interno si notava una batteria con collegamenti elettrici che sembravano indirizzati verso i sedili posteriori.

Sul posto sono entrati in azione immediatamente gli artificieri che, dopo avere delimitato l’area e allontanato le persone presenti, hanno proceduto a un controllo tecnico sui terminali elettrici della centralina del veicolo e a una ricognizione nei vani di carico dell’auto:

(continua dopo la foto)







 

 

 

dall’analisi, i militari hanno accertato che si trattava di un presumibile tentativo, non riuscito, di riavviare il veicolo con una batteria ausiliaria di ‘fortuna’. Dopo aver escluso qualsiasi anomalia, scrive quotidiano.net, l’auto è stata rimossa e portata in un deposito di soccorso stradale, in attesa di essere consegnata al proprietario, presumibilmente di origine russa, non ancora rintracciato. Non è la prima volta che il centro commerciale viene “visitato” dalla polizia per casi del genere.

(continua dopo la foto)




Lo scorso gennaio i carabinieri vennero allertati per un altro allarme bomba. A destare sospetti in quell’occasione uno zainetto abbandonato davanti all’ingresso. Il negozio era stato evacuato in via precauzionale, mentre a molti clienti che stavano entrando non era stato consentito l’ingresso dal personale con la scusa di una ressa nel punto vendita, per non scatenare il panico. Sul posto erano intervenuti carabinieri di Osimo e gli artificieri della polizia ma lo zainetto, probabilmente dimenticato da qualcuno, si era rivelato innocuo.

“Aiuto, sta morendo”. Attimi di paura all’Ikea, bambino soffoca mangiando le note polpette svedesi. Le urla della madre, poi un dipendente fa qualcosa di davvero sorprendente

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it